Domenica, 28 Febbraio 2021

La lotta paga. Unite e i lavoratori di Barnoldswick piegano Rolls Royce

Il sindacato britannico Unite e i lavoratori di Barnoldswick, a seguito di un duro sciopero con presidio dei cancelli durato 9 lunghe settimane hanno vinto la battaglia per salvare dalla chiusura lo storico sito produttivo della Rolls Royce. Grazie a un accordo innovativo tra il sindacato e l'azienda, sono stati salvati 350 posti di lavoro .

Il futuro della fabbrica è stato messo in discussione la scorsa estate quando Rolls-Royce ha annunciato l’intenzione di delocalizzare la produzione delle pale del motore a reazione Trent a Singapore. La forza lavoro ha votato per un'azione sindacale e ha iniziato uno sciopero mirato il 6 novembre dello scorso anno, che è durato fino alla vigilia di Natale. I lavoratori sono poi tornati ai picchetti all'inizio del 2021.

La piccola città di Barnoldswick, che ospita solo 11.000 persone, si è mobilitata in difesa della propria comunità. Lo stabilimento Rolls-Royce, in funzione dal 1943, è il luogo di nascita del motore a reazione e principale sito produttivo del territorio. La sua chiusura avrebbe avuto conseguenze devastanti per la prosperità della comunità locale.

La vertenza è stata ampiamente sostenuta nel Regno Unito e gli affiliati di IndustriALL Global Union di tutto il mondo sono stati fianco a fianco con i colleghi, inviando messaggi di solidarietà e dando risalto mediatico alla vicenda.

Unite ha a lungo criticato il governo del Regno Unito per l'incapacità di sviluppare una politica industriale di investimenti nello sviluppo, nella crescita e nella transizione della produzione. Nonostante la mancanza di sostegno politico, il sindacato ha negoziato uno storico accordo che salva posti di lavoro e capacità produttiva mentre si prepara per il futuro.

L'accordo, approvato in modo schiacciante dai lavoratori, consegna allo storico impianto una nuova prospettiva produttiva e ospiterà anche un nuovo centro di eccellenza per la formazione ingegneri e tecnici per affrontare le sfide dell'emergenza climatica.

I dettagli principali dell'accordo sono:

- Una garanzia di produzione di dieci anni per il sito.

- Organico minimo garantito di 350 lavoratori.

- La creazione di un centro di formazione scolastica di eccellenza a supporto dello sviluppo e della produzione di tecnologie carbon free.

- Esodi volontari e incentivati per favorire nei prossimi due anni un piano di riconversione produttiva e di ricerca e sviluppo di tecnologie “green” per la generazione di energia pulita.

Il segretario generale aggiunto di IndustriALL Atle Høie ha dichiarato:

“Questa vertenza è stata molto importante per il comitato direttivo aerospaziale globale di IndustriALL perché costituisce un precedente importantissimo. Questo accordo testimonia la tenacia e il coraggio dei lavoratori in lotta, nonché la volontà dell'azienda di negoziare in buona fede e di ascoltare le proposte alternative del sindacato. Crediamo che questo accordo rivoluzionario mostri una via da seguire per il settore, preservando posti di lavoro e competenze mentre ci si prepara per il futuro.

Il direttore aerospaziale di IndustriALL Georg Leutert ha dichiarato:

“Rolls-Royce è una delle più importanti aziende del settore e una delle poche a consentire ai sindacalisti di incontrarsi regolarmente a livello globale. I rappresentanti della Rolls-Royce hanno un seggio permanente nel comitato del settore aerospaziale. IndustriALL, Unite e l'azienda sperano di incontrarsi presto per discutere del dialogo sociale a livello globale ".

14 gennaio 2021

http://www.industriall-union.org/union-deal-saves-rolls-royce-barnoldswick

 

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search