Giovedì, 21 Novembre 2019

Turchia: il carcere per le lotte sindacali alla Renault


Condannati a 5 mesi di carcere sindacalista turco di Birlesik Disk  e 35  lavoratori della Renault Bursa per aver violato la legge sulla diritto di manifestazione e assemblea durante le proteste che si sono svolte nel 2016 negli stabilimenti turchi Oyak della Renault in Bursa, verso i quali portò la propria solidarietà anche la Fiom.
A seguito di un'ondata di scioperi non ufficiali iniziata a maggio 2015 nel settore automobilistico in Turchia, il Gruppo Renault, IndustriALL Global Union e il sindacato Birleşik Metal İş avevano raggiunto un accordo per delle libere elezioni sui rappresentanti sindacali nel posto lavoro che si sarebbe dovuta tenere il 29 febbraio 2016.. Tuttavia, la direzione della Renault ha cancellato le elezioni il giorni prima sulla base del fatto che era illegale. Inoltre, la compagnia ha licenziato più di 60 lavoratori, compresi i portavoce del sindacato, e altri 100 sono stati invitati a partire con i pacchetti di uscita. Nei mesi successivi, circa 400 lavoratori furono costretti a dimettersi accettando pacchetti di risarcimento e minacciarono di essere licenziati senza un pacchetto di risarcimento se non avessero accettato l'offerta.
Il 1 ° marzo 2016, per protestare contro la violazione del loro diritto alla libertà di associazione e il licenziamento dei loro colleghi, molti lavoratori si sono riuniti nello stabilimento turco di Renault a Bursa. La protesta pacifica fu dispersa dalla polizia, che stava aspettando fuori dalle strutture della compagnia equipaggiate con due idranti. Durante l'intervento della polizia, diversi manifestanti sono rimasti feriti e alcuni sono stati arrestati. Successivamente, è stata aperta un'indagine per determinare se i manifestanti avessero violato la legge. Il 2 novembre 2018, 35 lavoratori e sindacalisti sono stati condannati per lo stesso reato e condannati a cinque mesi di prigione. Tutte le sentenze sono state posticipate, tranne quattro, a condizione che non subentrino condanne per altri reati entro i prossimi cinque anni. Inoltre, altri due individui, che hanno espresso il loro sostegno per le dimostrazioni sui social media, sono stati condannati a tre anni e quattro mesi di prigione per "incitamento alla assemblea e alla dimostrazione illegale”.
Nel maggio 2015 nella regione di Bursa, distretto automotive turco, c'è stata una massiccia ondata di scioperi che è iniziata negli stabilimenti turchi di Renault e Tofaş (FIAT) e si è estesa a molti altri produttori di automobili, fornitori e altri luoghi di lavoro. Più di 30.000 lavoratori si sono uniti alle manifestazioni e hanno iniziato uno sciopero non ufficiale. Le richieste dei lavoratori includevano il diritto di scegliere liberamente il proprio sindacato e di eleggere i propri rappresentanti, nonché un salario equo.
La Fiom esprime la propria preoccupazione per le condanne contro i lavoratori e i sindacalisti di Birlesik Metal-IS che si sono battuti unicamente per la difesa dei diritti dei lavoratori e farà tutto ciò che è possibile per sostenere la loro causa.

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search