Venerdì, 20 Settembre 2019

Migranti. Re David (Fiom): Uniamo le forze per disobbedienza civile

È incredibile che su questo orrore si costruisca consenso e si faccia campagna elettorale. La guerra ai migranti è cominciata da tempo, anche con il precedente Governo.

Ma il Governo M5S-Lega sta portando questa guerra ai migranti a conseguenze mai viste, inumane e inaccettabili. Mi sento di dire come rappresentante dei metalmeccanici che questa è una guerra contro il lavoro, per frantumare i lavoratori e metterli gli uni contro gli altri.

È una guerra contro la povertà. Sono milioni i poveri nel nostro Paese. Attraverso la guerra ai migranti sì vuole nascondere l’aumento della povertà. In Italia c’è anche un dilagante aumento del caporalato ma di questo il Governo sembra non volersene occupare.

È necessario unire le forze e praticare forme di disobbedienza civile in difesa dei migranti. Il Governo offra immediatamente un porto sicuro ai 47 migranti della Sea Watch 3!”.

Lo dichiara Francesca Re David, che sta partecipando al presidio in piazza Montecitorio.

 

Fiom-Cgil/Ufficio Stampa

Roma, 28 gennaio 2019

 

 

Tags: ,

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Dichiaro di aver letto e compreso l’informativa Privacy e Termini di Utilizzo e di prestare il consenso al trattamento dei miei dati per le finalità e secondo le modalità indicate nella Privacy policy

Search