Sabato, 20 Luglio 2024

Electrolux. Comunicato sindacale

Si è svolto ieri 5 maggio a Mestre l'incontro tra il coordinamento sindacale e la Electrolux nel quale l'azienda ha riproposto il piano di rilancio competitivo degli stabilimenti italiani del gruppo e quelle che l'azienda ha definito le proprie considerazioni finali. In sintesi:
 
- il piano industriale e le linee di prodotto di ogni stabilimento; il piano di investimenti di 150 milioni di euro per gli anni 2014/2017; le prospettive produttive - in crescita per Solaro, Forlì e Susegana - e che consentono, con le uscite previste volontarie e per pensionamento, di ridurre gli esuberi a Susegana e di superarli a Forlì e a Solaro,
- l'impegno a non attivare procedure di licenziamento collettivo nel corso della durata del piano; a svolgere verifiche semestrali sull'andamento del mercato, sui volumi e su occupazione; a non peggiorare le condizioni di lavoro attraverso il mantenimento e il miglioramento degli indici di valutazione OCRA; a verificare, con interventi sul prodotto e di processo, postazioni, tratti di linea e soluzioni organizzative in grado di garantire i lavoratori con limitazioni,
- l'insediamento di nuove attività per il sito di Porcia, realizzate da Electrolux e da una azienda esterna ( di rilevanza nazionale ), con la garanzia di occupazione per 150 lavoratori e la disponibilità a definire ulteriori investimenti nei reparti tecnologici ( presse stampaggio plastica ) per migliorare le prestazioni, la produttività e la competitività dello stabilimento.
 
Il piano sociale presentato dall'azienda nel corso dell'incontro ha confermato per gli anni 2014/2017 il ricorso alla solidarietà, alla mobilità finalizzata al pensionamento e volontaria e gli incentivi già definiti nei piani precedenti; inoltre l'azienda ha chiesto di definire il ricorso alla cassa straordinaria per la società commerciale e per la società che si occupa nel gruppo della logistica.
Electrolux - confermando le richieste al sindacato e relative alle velocizzazioni delle linee e alla riduzione del costo del lavoro, attraverso la riduzione dei permessi sindacali, delle ore di assemblea, delle pause e con l'ampliamento del periodo di fruizione delle ferie collettive - intende verificare in tempi brevi ( nel corso di questa settimana) se ci sono le condizioni per raggiungere un accordo, sollecitata in questo senso anche dal Governo. La trattativa è stata riconvocata, sempre a Mestre, giovedì 8 maggio e, se necessario, continuerà anche nella giornata di venerdì 9 maggio
 
La delegazione della FIOM:
 
- valuta positivamente quanto emerso sul piano industriale e sul piano sociale nell'incontro del 5 maggio, in particolare sulle nuove attività previste per il sito di Porcia ( su cui abbiamo chiesto maggiori informazioni e garanzie ) e sulle prospettive di crescita dei volumi previste per Forlì, Solaro e Susegana con il ridursi degli esuberi in tutti gli stabilimenti del gruppo;
- valuta negativamente le richieste aziendali sulla riduzione del costo del lavoro, in particolare non condivide la richiesta aziendale di ridurre le pause delle lavoratrici e dei lavoratori che lavorano sulle linee di montaggio.
 
La FIOM ritiene che in Electrolux le lotte messe in campo dalle lavoratrici e dai lavoratori abbiano determinato le condizioni per raggiungere un accordo che salvaguardi diritti e occupazione e che non peggiori le condizioni di lavoro, a partire dalla trattativa convocata per il prossimo 8 e 9 maggio.

 

Fiom nazionale

Roma, 6 maggio 2014

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Ho letto e accetto Termini e condizioni d'uso e Informativa sulla privacy

Search