A+ R A-
23 Ottobre 2018
FacebookTwitter

Re David: sull'Ilva basta rimpalli, il governo si attivi e indichi soluzione

Ilva

Per la Fiom non è una novità l'esistenza di molte zone d'ombra nello svolgimento della gara per la vendita dell'Ilva: le abbiamo più volte denunciate e da questo punto di vista le dichiarazioni odierne del ministro Di Maio non rappresentano alcuna rivelazione. Per altro, noi - e con noi soprattutto i lavoratori dell'Ilva - non intendiamo essere parte o vittime di quello che il ministro ha definito “un delitto perfetto”. Proprio per questo non parteciperemo ad alcuna trattativa parallela con Mittal mentre in altra sede si decidono i destini dell'Ilva. Ricordando che spetta proprio al governo - attraverso i commissari – dare il via libera al passaggio di consegne, chiediamo, ancora una volta, che lo stesso governo assuma un ruolo attivo in questa vicenda convocando un tavolo di confronto che affronti e risolva i problemi denunciati dallo stesso ministero, cambiandone i presupposti, a partire da quelli ambientali e occupazionali. Poiché la trasparenza invocata per il precedente governo vale anche per quello attuale, è essenziale che l'esecutivo in carica si assuma esplicitamente le proprie responsabilità e trovi una soluzione che tuteli l'ambiente e la salute, garantisca i livelli occupazionali, le condizioni salariali e normative dei lavoratori che saranno poi chiamati a dare il loro giudizio su ogni eventuale intesa sindacale.

 

Fiom-Cgil/Ufficio Stampa

Roma, 23 agosto 2018

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
5
6
7
11
13
14
15
19
20
21
25
Data : Giovedì 25 Ottobre 2018
27
28

CHIUDI [X]

APRI [»]