A+ R A-
23 Ottobre 2018
FacebookTwitter

Fca. Il 1° giugno “investor day” aziendale e “workers day” della Fiom



Sintesi della conferenza stampa tenuta oggi a Torino da Fiom nazionale, Fiom Torino e Fiom Napoli, “Mirafiori e Pomigliano, bilancio e prospettive per i lavoratori”, cui hanno partecipato i delegati di Mirafiori, Grugliasco e Pomigliano

Ieri la proprietà ha reso noto alla stampa i risultati positivi per Exor, grazie a Fca. Non è la stessa cosa per i lavoratori.
Abbiamo deciso di tenere una conferenza stampa congiunta tra la Fiom Nazionale e i territori di Torino e Napoli, perché Mirafiori, Grugliasco, Pomigliano d'Arco e Nola sono gli stabilimenti di Fca dove tutto è cominciato nel 2011, sia sul piano produttivo-occupazionale, che sul piano contrattuale e sindacale.
Nel 2011 furono promesse ai lavoratori, chiamati al voto sul Contratto collettivo specifico di lavoro, la certezza della piena occupazione grazie agli investimenti e ai nuovi modelli, “salari tedeschi” e una partecipazione alla vita aziendale e agli utili.
A quasi 8 anni di distanza proponiamo una fotografia su tre punti: andamento occupazionale, produttivo e salariale e le nostre considerazioni per il futuro per i lavoratori.
La situazione occupazionale e la continua richiesta di utilizzo di ammortizzatori strutturali conferma che l'obiettivo della piena occupazione nel 2018 non è stato centrato e che nei primi tre mesi di quest'anno c'è stato un aumento dell'uso degli ammortizzatori: 30 giornate di cigo pari al 50% per Grugliasco; sulla linea del Levante a Mirafiori c'è stato un impatto negativo di riduzione tendenziale del 50%; per Pomigliano oggi è al 59% in aumento del 5%, pari a 17 giornate di lavoro in meno.
È evidente, dai grafici in allegato, la distanza tra le promesse e i fatti: l'occupazione diminuisce ovunque: negli ultimi 10 anni a Pomigliano la diminuzione degli occupati è stata di circa mille persone, nel polo torinese dal 2013 ad oggi c'è stata una perdita di 1.071 lavoratori.
L'emergenza per i lavoratori di Mirafiori è dettata dal fatto che il solo Levante non garantisce la piena occupazione e ad aggravare la situazione c'è la decisione aziendale di cessare la produzione della Mito entro l'anno, senza che ci sia ad oggi un nuovo modello sostitutivo. Per i lavoratori di Torino e Pomigliano permane il problema della scadenza degli ammortizzatori sociali.
In questi anni la Fiom, nonostante l'esclusione dai tavoli negoziali unitari, ha proposto e firmato con il consenso dei lavoratori contratti di solidarietà utili al mantenimento dell'occupazione e ad una redistribuzione dello scarico lavorativo frutto dell'assenza degli investimenti e della mancanza dei modelli tra Alfa e Maserati, previsti nel piano 2014-2018.
È evidente un disallineamento tra gli ammortizzatori e il rilancio produttivo e occupazionale su cui sarebbe necessario un confronto unitario tra sindacati e direzione aziendale, ma siamo costretti a constatare che nonostante le nostre richieste permangono inaccettabili tavoli separati.
La Fiom ritiene dannosa la scelta dei sindacati firmatari di dividere i lavoratori su un obiettivo che dovrebbe essere comune: la piena occupazione.
Sul piano salariale i lavoratori di Fca, oltre ad aver perso salario perché il “Contratto Fiat” prevede minimi più bassi che quelli del contratto nazionale, hanno perso, lavorando in media il 50% in meno, circa 40mila euro dal 2010.
Il 2018 è un anno cruciale per i lavoratori di Fca, perché il 1° giugno l'amministratore delegato terrà l'investor day e al termine dell'anno scadrà il “contratto Fiat”.
La Fiom ha l'obiettivo di un confronto negoziale sul piano occupazionale e contrattuale, pertanto nella giornata del 1° giugno terremo il “workers day”, con iniziative con i lavoratori di tutti gli stabilimenti Fca.
A partire da giugno cominceremo una campagna di assemblee per condividere con i lavoratori un piano di rivendicazione di un tavolo unitario e di un voto democratico sul negoziato.
Su questi due presupposti consulteremo nei prossimi giorni i sindacati firmatari e la direzione aziendale.

Michele De Palma, segretario nazionale Fiom
Federico Bellono, segretario generale Fiom Torino
Francesco Percuoco, segretario Fiom Napoli

Fiom-Cgil/Ufficio Stampa

Roma, 12 aprile 2018

Allegati:
FileDimensioneData
Scarica questo file (grafici.pdf)Grafici202 kB12-04-2018
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
5
6
7
11
13
14
15
19
20
21
25
Data : Giovedì 25 Ottobre 2018
27
28

CHIUDI [X]

APRI [»]