A+ R A-
22 Agosto 2018
FacebookTwitter

Torino Fiom, COSA SUCCEDE AL LEVANTE?

CASSA INTEGRAZIONE ORDINARIA IL 3 E IL 4 SETTEMBRE

La Fiom Cgil rende noto che ieri, giovedì 2 agosto, è stato comunicato alle RSA la richiesta di intervento della cassa integrazione ordinaria per le giornate del 3 e 4 settembre (esclusi solo gli addetti di RG Premium Center) per 2414 lavoratori (2106 operai e 308 impiegati/quadri).

Il 2 maggio 2018 l’azienda aveva comunicato alle RSA la chiusura collettiva per 2 settimane (dal 13 al 24 agosto), nonostante la nostra richiesta di tre settimane, e aveva previsto di lavorare dei sabati (arrivando a retribuire in anticipo perfino tre giornate altrimenti di sospensione in contratto di solidarietà, manovra rispetto alla quale avevamo espresso la nostra contrarietà…). Nel pomeriggio di giovedì 19 luglio ci è stata comunicata la decisione di aumentare la chiusura collettiva ad agosto da due a tre settimane, dal 13 al 31 agosto. Venerdì 27 la direzione aziendale ha comunicato altre due giornate di stop della produzione del Levante il 9 e il 10 agosto (utilizzando un par collettivo e una ulteriore giornata di ferie).

Cosa sta succedendo? Fino a metà del 2020 (quando terminerà il periodo del “quinquennio mobile” previsto dalla legge) la cassa integrazione utilizzabile è risicata e il fatto che si cominci da subito a ricorrervi aumenta la preoccupazione su quali sono i piani per lo stabilimento! Ad oggi non si sa se e quando arriveranno nuovi modelli a Mirafiori e a Grugliasco in grado di saturare gli impianti e di consentire il ritorno al lavoro a tempo pieno per tutti.

Federico Bellono, segretario provinciale della Fiom Cgil, e Ugo Bolognesi, responsabile per la Fiom Cgil torinese di Mirafiori, dichiarano: “Cosa ci aspetta da settembre? Ora più che mai serve che le istituzioni locali e il Governo si facciano parte attiva. La Fiom Cgil da molto tempo sta chiedendo che si avvii urgentemente un tavolo con l’azienda, le altre organizzazioni sindacali, gli enti locali e il Governo per affrontare una crisi che da troppo tempo i lavoratori stanno subendo. Per fine settembre, anche grazie alla nostra iniziativa, sono stati convocati in seduta congiunta il Consiglio regionale del Piemonte e quello comunale di Torino. Obiettivo: capire qual è il futuro degli stabilimenti torinesi di Fiat-Chrysler. Ci aspettiamo che, a partire da settembre, si passi dalle parole ai fatti.

 

"""""""""""""""

Leggi anche

Sedi Territoriali Fiom

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

ItaliaCMS

News dai territori

«
»

CHIUDI [X]

APRI [»]