A+ R A-
24 Aprile 2018
FacebookTwitter

Fiom Milano. Alstom Power/General Electric e Agile/Eutelia: dal 1 gennaio circa 300 lavoratori senza alcun reddito. Un motivo in più per manifestare il 2 dicembre.

 

EX ALSTOM POWER/GENERAL ELECTRIC E AGILE/EUTELIA

 

CIRCA 300 LAVORATORI DAL 1 GENNAIO SENZA REDDITO: BUON ANNO!

 

UN MOTIVO IN PIU’ PER MANIFESTARE SABATO 2 DICEMBRE

 

 

In Via ai Laboratori Olivetti a Pregnana il grande sito dove lavoravano circa 500 donne e uomini è un’area dismessa.

 

Nello stabilimento ex Alstom Power/General Electric di Via Edison a Sesto San Giovanni non vola una mosca.

 

E, alla faccia degli impegni sottoscritti, a partire dal 1 gennaio 2018 circa 300 lavoratrici e lavoratori resteranno senza alcuna forma di reddito, mentre la possibilità di accedere alla pensione si allontana.

 

 

“Quello che accomuna le storie della ex Alstom Power - General Electric e dell’Agile-Eutelia  - dichiara Roberta Turi, segretaria generale Fiom di Milano – è l’ingiustizia della chiusura dei siti e la lunga e determinata lotta dei lavoratori per tornare in attività. E’ grazie a loro infatti, se sono ancora aperti tavoli di trattativa presso il Ministero dello Sviluppo Economico e le istituzioni locali.

 

Il proseguimento del confronto - per quanto riguarda Alstom Power/GE nella ricerca di soggetti imprenditoriali disponibili a rimettere in funzione il sito e per quanto riguarda Agile-Eutelia per la stabilizzazione di lavoratori che da anni svolgono attività di tirocinio presso il Tribunale, per l’applicazione di salvaguardie a chi è più vicino alla pensione e comunque per la ricollocazione - impatta brutalmente con la fine degli ammortizzatori sociali.

 

Sarebbe scandaloso se la possibilità di rimettere in attività la grande fabbrica di Sesto venisse vanificata dalla dispersione delle competenze e delle professionalità dei lavoratori della ex Alstom Power, tanto quanto è indecente che non sia possibile stabilizzare chi, da oltre 7 anni, lavora per 400 euro al mese in Tribunale.

 

A proposito di Alstom Power/Ge, nell’incontro che si è tenuto ieri in Regione Lombardia, alla presenza dell’Assessore Parolini, abbiamo sottolineato che la questione degli ammortizzatori sociali e del sostegno al reddito è fondamentale fino a quando l’interessamento di nuovi soggetti industriali si tradurrà in trattativa concreta per la reindustrializzazione del sito. Abbiamo avanzato la stessa richiesta, pur con sfumature diverse, nell’incontro che si è svolto nei giorni scorsi all’Assessorato al Lavoro del Comune di Milano per quanto riguarda i lavoratori di Agile/Eutelia.

 

E non è un caso -  conclude la segretaria generale della Fiom di Milano - se uno degli obiettivi della manifestazione del 2 dicembre prossimo sarà proprio il rilancio delle politiche industriali e la questione degli ammortizzatori sociali.

 

La scelta del Governo di distruggere il sistema che dava un minimo di garanzia a chi è stato ingiustamente licenziato è stata devastante. E allora delle due l’una: o la politica e le istituzioni sono in grado di impedire la chiusura di aziende che possono funzionare e i licenziamenti per “fare cassa”, oppure si preoccupino almeno di creare e incentivare vere possibilità di ricollocazione e di consentire a chi ha perso il lavoro di vivere dignitosamente.”.

 

 

Milano, 29 novembre 2017

 

 

Sedi Territoriali Fiom

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

ItaliaCMS
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
5
7
8
14
15
17
19
20
21
22
25
26
27
28
29
30

News dai territori

«
»

CHIUDI [X]

APRI [»]