A+ R A-
21 Novembre 2018
FacebookTwitter

Techno Sky: raggiunta l’ipotesi di accordo. Ora il referendum

Il giorno 26 ottobre c.m. nell’incontro tra l’esecutivo del coordinamento, le Organizzazioni sindacali con la Direzione aziendale per definire i temi rimasti aperti nei precedenti incontri sull’armonizzazione tra il CCNL meccanico e quello del trasporto aereo sez. atm., dopo una lunga contrattazione partita due anni fa e più volte interrotta, si è giunti ad un documento condiviso che ha portato alla firma di un’ipotesi di accordo.

L’ipotesi di accordo sarà valutata in una specifica riunione del coordinamento e successivamente sottoposta al referendum tra tutti i lavoratori per la sua approvazione finale.

Come Fim, Fiom, Uilm, Fismic riteniamo molto positivo il fatto di aver raggiunto un’intesa che definisce il passaggio dei lavoratori Techno Sky al CCNL del Trasporto Aereo. L’intesa è anche un passo molto importante verso la piena integrazione nel gruppo ENAV, considerato che al completamento dell’armonizzazione non ci saranno più differenze tra lavoratori del Gruppo.

L’ipotesi di accordo da molte risposte in termini di riconoscimenti professionali ed economici da sempre rivendicati ed in particolare saranno applicati al personale Techno Sky gli stessi profili professionali di ENAV a parità di mansione, lo stesso inquadramento professionale, la stessa pensione complementare con la stessa contribuzione, una polizza sanitaria migliorata tutta a carico aziendale fino al 31 dicembre 2020 (con possibilità di mantenere mètaSalute a carico del lavoratore) per poi avere, dal 1 gennaio 2021, una polizza unica per tutto il Gruppo.

Il consolidamento delle indennità e del Premio di Risultato, porterà ad un aumento consistente della paga oraria con effetti positivi sulla retribuzione. Tutto ciò che era soggetto ai risultati aziendali o alla presenza del lavoratore in azienda diventa cosi stipendio di fatto.

Come Organizzazioni sindacali, considerato il tempo perso dall’ultima interruzione e le iniziative di lotta che i lavoratori hanno messo in campo per riaprire la trattativa, abbiamo chiesto ed ottenuto che già nel 2019 saranno estesi ai dipendenti della Techno Sky gli aumenti previsti dal CCNL t.a. sez. atm., senza assorbimento e sarà erogata una una tantum di 400,00€ come vacanza contrattuale.

Risolto positivamente anche il tema del PdR con l’erogazione di una somma pari a 260,00€ da aggiungere a quanto già erogato (l’azienda ha riconosciuto, come sostenuto da Fim, Fiom, Uilm, Fismic, che i lavoratori non fossero responsabili delle “non conformità”).

Si è ottenuto anche l’impegno ad armonizzazione l’orario di lavoro tramite un tavolo di confronto da concludersi entro due anni e collegato al progetto di riorganizzazione aziendale. Risolta anche la delicata situazione dei quadri attraverso l’equiparazione della retribuzione media di queste figure.

La parola passa ora ai lavoratori attraverso le assemblee (dove verranno spiegati tutti i contenuti dell’ipotesi di accordo) ed il referendum. Il giorno 5 novembre p.v. si terrà il Coordinamento Nazionale delle RSU Techno Sky per discutere nel merito con tutti i rappresentanti sindacali e avviare il percorso democratico che si concluderà entro il 20 novembre p.v. (ultima data utile per poter uniformare e applicare tutti i trattamenti a partire dal 1 gennaio 2019).

 

Fim, Fiom, Uilm, Fismic nazionali

 

Roma, 31 ottobre 2018

 

Allegati:
FileDimensioneData
Scarica questo file (18_11_06-Techno Sky_FFUF.pdf)Techno Sky: raggiunta l’ipotesi di accordo. Ora il referendum82 kB06-11-2018
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
10
11
12
17
18
23
24
25

CHIUDI [X]

APRI [»]