A+ R A-
12 Novembre 2018
FacebookTwitter

Sciopero dei lavoratori Techno Sky: le ragioni che allargano il consenso!


Lo scorso 20 Luglio si è svolto lo sciopero di 24 ore dei lavoratori Techno Sky a sostegno della vertenza per l’internalizzazione di Techno Sky in ENAV, l’armonizzazione contrattuale al Contratto trasporti, l’assunzione di Tecnici nei siti in forte sofferenza, la formazione per i profili ATSEP e il rispetto delle normative sulla Sicurezza nei luoghi di Lavoro, le prospettive professionali dei lavoratori.
Lo sciopero ha registrato una forte adesione nella maggior parte dei siti italiani, con un significativo incremento dei numeri ed ha visto, rispetto al precedente, l’ampliamento dell’adesione ad altri siti come l’ACC di Roma e l’area milanese (un punto critico è stata invece la sede di Roma sulla quale dovremo fare di più). Il blocco della reperibilità nella settimana dello sciopero ed il fermo dei lavoratori nella giornata coincidente le ore di sciopero, hanno creato non pochi disagi, con mancate coperture di servizi importanti. Ci chiediamo come può ENAC, il cui compito è quello di vigilare, accettare e far finta di niente in assenza di tecnici negli aeroporti e nelle sale operative per tutto questo arco di tempo mentre per ENAV il servizio è “regolarmente garantito”? Crediamo che questo grave atteggiamento snaturi la funzione e la qualità di un servizio che dovrebbe essere sempre sicuro e costantemente efficiente.
Gli ultimi tagli effettuati dalla DA sul premio di risultato infine, hanno aumentato l’insofferenza tra i lavoratori che, già fortemente provati da anni di conflitti e dalla mancanza di riconoscimenti, hanno risposto aumentando la partecipazione ed il supporto alle nostre iniziative.

La FIOM ringrazia tutti i lavoratori e tutti coloro che recentemente si sono uniti a sostegno della vertenza che vede il nostro sindacato in questa fase UNICO promotore ATTIVO di iniziative contro le politiche sbagliate di Techno Sky ed ENAV e in difesa dei lavoratori.

Ringraziamenti particolarmente sentiti perché molte sono state le pressioni da parte Aziendale e perché in una fase in cui alcune rappresentanze hanno deciso esclusivamente di criticare le nostre iniziative, i lavoratori hanno risposto con un’adesione massiccia, non seguendo le sirene di chi vuole giocare al massacro dividendoli.
Ci rammarica il fatto che alcuni sindacati perseverano e continuano a soffiare sul fuoco della discordia, rendendosi a nostro avviso anche irrispettosi verso le scelte di autodeterminazione della maggioranza dei lavoratori nel sostenere la vertenza. Ci fa altresì piacere, evidenziare ed apprezzare il sostegno delle sigle sindacali del Trasporto aereo che nel comunicato unitario di Brindisi, a sostegno dello sciopero, evidenziavano l’importanza di avere al loro fianco un comparto tecnico sereno e numericamente adeguato alle esigenze della produttività aziendale.
Anche in questi giorni segnaliamo nuove mancanze della nostra DA Techno Sky, che ad oggi non ha ancora comunicato gli importi relativi al premio di risultato in pagamento il prossimo 27 c.m. e né pubblicato, come di consuetudine, il bilancio 2017 sul sito ENAV.
Cogliamo l’occasione, come FIOM, per porre una richiesta urgente di un incontro con l’AD ENAV e il DRU, per superare definitivamente questa situazione che si trascina oramai da troppo tempo e che sta minando seriamente la serenità e la pazienza dei lavoratori Techno Sky, i quali non sono più disposti ad attendere oltremodo e sono pronti a proseguire le azioni di lotta fino a quando non saranno superate tutte le problematiche in essere.

Fiom Cgil nazionale

Roma, 24 Luglio 2018
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
10
11
12
17
18
23
24
25
30

CHIUDI [X]

APRI [»]