A+ R A-
28 Aprile 2017
Federazione Impiegati Operai Metallurgici
IMAGE

Fca: John Elkann, il regista cieco di Exor

di Sarah Gordon, Rachel Sanderson* | Martedì, 11 Aprile 2017 | Hits, 998

Mentre usciva da un ristorante italiano di Monaco, John Elkan è stato avvicinato da una giovane coppia: “Possiamo avere una fotografia insieme a lei?" ha chiesto la donna, ridacchiando alla sua temerarietà. Egli ha risposto con la facilità di chi è... Leggi tutto...
IMAGE

Lavoratori e fisco: presi per il cuneo

di Felice Roberto Pizzuti | Martedì, 11 Aprile 2017 | Hits, 706

I Presidenti del Consiglio cambiano, ma la visione e le scelte della politica economica governativa rimangono le stesse che hanno contribuito a determinare la situazione particolarmente critica dell’economia e della società italiane. Riferendosi alle nuove... Leggi tutto...
IMAGE

Jobs Act, quale lavoro?

di Redazione | Lunedì, 27 Marzo 2017 | Hits, 1214

  Per cancellare i voucher e ridare a chi lavora in appalto le garanzie tolte è “bastato” indire un referendum. L'articolo 18 invece no, quello è rimasto un diritto violato, una ferita aperta. Se ne riparlerà più avanti, forse. Ma il Jobs Act non... Leggi tutto...
IMAGE

Sapessi com'è strano..... lavorare a Milano

di Redazione | Lunedì, 13 Marzo 2017 | Hits, 1107

Si chiama “Meccanoscritto” - e già il titolo è particolare. Ma ancor più orginale è l'autore, un trio davvero unico, se non altro perché – in realtà – sono molti più di tre: Wu Ming 2, Ivan Brentani e il Collettivo MetalMente, una ventina di... Leggi tutto...
IMAGE

Appello: a Roma per un'Europa unita e solidale

di | Lunedì, 06 Marzo 2017 | Hits, 811

  In occasione dei sessanta anni dalla firma dei trattati di Roma ci riuniamo, consapevoli che, per salvare l’Europa dalla disintegrazione, dal disastro sociale ed ambientale, dalla regressione autoritaria, bisogna cambiarla. Un grande patrimonio... Leggi tutto...
IMAGE

Lavoro e felicità ai tempi del Jobs Act

di Leonard Mazzone* | Mercoledì, 22 Febbraio 2017 | Hits, 1158

  L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro. A rileggerlo oggi, il primo articolo della Costituzione italiana fa una certa impressione. Accusati da più parti di anacronismo, la costituzione e il diritto del lavoro italiani sono... Leggi tutto...
IMAGE

La Fiom mette Fca sotto inchiesta

di Tommaso Cerusici* | Venerdì, 17 Febbraio 2017 | Hits, 6832

Nel 2017 prende avvio la ricerca su Fca e Cnh promossa dalla Fiom nazionale insieme alla Fondazione Claudio Sabattini, con la collaborazione della Cgil nazionale e della Fondazione Di Vittorio. Su ragioni e obiettivi di questa ricerca, alla situazione attuale... Leggi tutto...
IMAGE

Una Cometa al passo con i tempi

di Maurizio Benetti* | Lunedì, 13 Febbraio 2017 | Hits, 3440

  Dal primo febbraio di quest’anno sono mutati i criteri di gestione di tre dei comparti di Cometa: Monetario Plus, Reddito e Crescita. In termini tecnici sono mutati le asset allocation strategiche dei comparti (ossia la distribuzione delle risorse in... Leggi tutto...
IMAGE

Giustizia per la Palestina, l'Europa è complice di una politica coloniale

di Stefano Maruca | Giovedì, 09 Febbraio 2017 | Hits, 868

  Il voto con cui il parlamento Israeliano ha legalizzato a posteriori la costruzione di migliaia di alloggi su terreni di proprietà palestinese occupati illegalmente da coloni israeliani, viola apertamente ogni principio di legalità internazionale e... Leggi tutto...
IMAGE

Trump, tra globalizzazione e protezionismo

di Antonio Lettieri | Martedì, 31 Gennaio 2017 | Hits, 922

  Forse il 2016 sarà ricordato come l'anno in cui ha trionfato il populismo su entrambe le sponde dell'Atlantico, negli Stati Uniti, con l'elezione di Donald Trump e in Gran Bretagna con la Brexit. E il 2017 potrebbe essere l'anno in cui, varcando la... Leggi tutto...

Sapessi com'è strano..... lavorare a Milano

meccanoscritto

Si chiama “Meccanoscritto” - e già il titolo è particolare. Ma ancor più orginale è l'autore, un trio davvero unico, se non altro perché – in realtà – sono molti più di tre: Wu Ming 2, Ivan Brentani e il Collettivo MetalMente, una ventina di lavoratrici e lavoratori (metalmeccanici, ovviamente), iscritti e delegati della Fiom milanese, protagonisti di un corso di scrittura collettiva che, alla fine, ha partorito alcuni racconti. Ma non basta, perché in “Meccanoscritto” ci sono pesanti tracce di vecchie opere, quelle del concorso di scrittura indetto dalla Fiom milanese nel 1963, alla fine di una storica vertenza contrattuale che infranse il muro degli “anni duri”.

Il libro è fresco di stampa, pubblicato sulla collana “scritture resistenti” delle edizioni Alegre, la sua prima uscita pubblica è prevista per il 25 marzo al Book Pride di Milano. Da quel giorno sarà in libreria e anche in vedita sul sito di Metaedizioni.

Ecco la presentazione che ne fanno gli autori.

"Questa storia inizia in un archivio speciale di una città particolare. È il 2012 quando Ivan Brentari spulcia faldoni all’Archivio del lavoro di Sesto S. Giovanni, la “Stalingrado” d’Italia. Tra le scartoffie, spunta una risma di carta velina. Comincia a leggere e… no, non sono comunicati stampa o verbali di assemblee. Sono racconti, scritti da metalmeccanici, per un concorso della Fiom di Milano. Indetto nel 1963, al termine di un triennio di lotte, le prime vittorie dei lavoratori dopo la Liberazione. Racconti mai pubblicati, rimasti nella polvere per cinquant’anni, nonostante una giuria composta da Umberto Eco, Franco Fortini, Giovanni Arpino e Luciano Bianciardi.
Ivan pensa che di racconti del genere ce ne sarebbe ancora bisogno: scritti dagli operai, senza filtri da giornalisti e false rappresentazioni. Nasce così il collettivo MetalMente, grazie a un laboratorio narrativo animato da Wu Ming 2 e da un gruppo di lavoratori iscritti alla Fiom. Ma a differenza del 1963, la scrittura è collaborativa, a più mani, per reagire a un mondo del lavoro così frammentato e precario da creare solitudine.
Ne risulta un libro intessuto come una treccia. Tre filoni che si alternano tra di loro, disvelando vicende vere e di fantasia. Uomini, tempi e narrazioni saltano gli uni dentro agli altri, si mescolano, si confondono. Ci sono i racconti del ’63 - compreso quello di Bianciardi, da cui nacque l’idea del concorso, - quelli collettivi del 2015 e le infrastorie di entrambe le epoche, scritte impastando documenti originali, dialoghi, aneddoti e testimonianze.
Il risultato è un appassionante romanzo storico ipercollettivo, che racconta, dal punto di vista dei metalmeccanici, la trasformazione del mondo del lavoro".

Leggi anche