A+ R A-
27 Marzo 2017
Federazione Impiegati Operai Metallurgici

19 items tagged "Simav"

Risultati 1 - 19 di 19

Simav. Si cerca una soluzione

Category: Simav
Creato il Venerdì, 23 Settembre 2016 15:07

logo ffu-ok

Si è tenuto il giorno 19 settembre u.s., presso la sede Assistal di Roma, l’incontro tra le segreterie nazionali e territoriali Fim Fiom Uilm, coordinamento Rsu e la Direzione aziendale di Siram e Simav.

La Direzione aziendale non ha fornito ulteriori elementi di novità rispetto alle garanzie di continuità delle attività in Leonardo - Finmeccanica ed alla questione Adr.

L’azienda ha ribadito la necessità di intervenire sul costo del lavoro per poter competere alle prossime gare e riconfermato la criticità relativa agli esuberi già dichiarati nell’incontro di aprile scorso.

Le organizzazioni sindacali hanno riconfermato la disponibilità al confronto per ricercare soluzioni per rendere competitiva Simav ed evitare iniziative traumatiche per la gestione delle eccedenze.

Il coordinamento, a fronte dello schema di riduzione del costo del lavoro proposto dall’azienda nei precedenti incontri, ha ribadito la disponibilità a ricercare un’intesa limitatamente al congelamento/sospensione degli istituti e trattamenti relativi alle trasferte indennità/maggiorazione turno, fino all’esito delle gare di prossima scadenza e comunque non al di sotto dei trattamenti minimi previsti dal Ccnl.

La Direzione aziendale ha riaffermato la necessità di una rimodulazione dei “superminimi individuali” ritenuti più elevati e la volontà di voler proseguire con interventi che producano la riduzione dei costi generali (auto aziendali, consulenze, ecc.); nel prossimo incontro l’azienda darà evidenza dell’esito delle iniziative intraprese.

Le organizzazioni sindacali hanno chiesto all’azienda di non procedere con alcuna procedura di licenziamento.

Nei prossimi giorni si terranno le assemblee informative per una valutazione sullo stato della trattativa ed in preparazione di eventuali iniziative da intraprendere sul tema della gestione dell’eventuale“ cambio appalto”.

Il prossimo incontro con la Direzione aziendale è stato già pianificato per il prossimo 20 ottobre.

 

Fim, Fiom, Uilm nazionali

Coordinamento Nazionale Rsu Simav

 

Roma, 23 settembre 2016

Simav. La priorità e salvaguardare l'occupazione

Category: Simav
Creato il Giovedì, 14 Luglio 2016 13:06

logo ffu-ok

Si è tenuto il giorno 13 luglio u.s., presso la sede Assistal di Roma, l’incontro tra le segreterie Nazionali e Territoriali Fim Fiom Uilm, coordinamento RSU e la Direzione aziendale di SIRAM e SIMAV per il prosieguo del confronto sulle prospettive aziendali.

L’Amministratore Delegato, Antonio Gianni, ha illustrato le strategie per il consolidamento e lo sviluppo di SIMAV in un ambito di pieno sostegno della capogruppo SIMAV, anche rispetto all’investimento già realizzato con l’acquisizione dell’intero pacchetto azionario di Simmec e con la ricapitalizzazione della stessa SIMAV già effettuata sulla base della chiusura di bilancio per l’anno2015; la Direzione aziendale di SIMAV ha riconfermato, anche rispetto alle voci circolate negli ultimi tempi, di non voler cedere la SIMAV e di volerla rendere elemento strategico nella offerta di servizi del gruppo.

La Direzione aziendale ha esplicitato le azioni che intende compiere per il potenziamento della “Struttura commerciale”, gli interventi per la partecipazione alle prossime gare in una condizione di migliore competitività, l’implementazione dell’ufficio di “Ingegneria di offerta” e la valorizzazione della “Metrologia”; per quanto concerne ADR, l’azienda ha confermato che la trattativa per la partnership è ancora in corso ma che, rispetto alle scorse settimane, evidenzia elementi di difficoltà per una positiva conclusione.

Il Coordinamento, pur apprezzando la disponibilità dell’AD nell’aver chiarito ulteriormente la “visione” per lo sviluppo dell’azienda, ha ritenuto di dover “sospendere” il giudizio sul disegno strategico in attesa di verificarne l’efficacia.

La delegazione sindacale ha riconfermato la volontà di voler proseguire con il confronto con SIMAV sui temi posti dall’azienda in merito al nuovo Contratto Integrativo aziendale, la riduzione del costo del lavoro e la gestione degli esuberi dichiarati dalla azienda.

E’ stata già programmata per il prossimo 15 settembre una riunione di coordinamento unitaria per una discussione che provi a produrre una proposta complessiva, da avanzare all’azienda nel prossimo incontro già prefissato per il 19 settembre p.v., prevedendo “prioritariamente” la salvaguardia dei livelli occupazionali.

Nel caso in cui si raggiungesse una “ipotesi di accordo”, questa sarà sottoposta al giudizio dei lavoratori.

 

FIM FIOM UILM NAZIONALI

COORDINAMENTO NAZIONALE

 

Roma, 14 luglio 2016

Simav. Presentato il nuovo contratto integrativo aziendale

Category: Simav
Creato il Lunedì, 20 Giugno 2016 18:10

logo ffu-ok

Si è tenuto, il giorno 16 giugno u.s., presso la sede di Roma, l’incontro tra le Segreterie Nazionali e Territoriali di Fim, Fiom, Uilm, il coordinamento Rsu e la Direzione Aziendale di Siram e Simav per il prosieguo del confronto in merito alla “dichiarazione di esuberi” e “costo del lavoro”.

L’Azienda ha presentato al coordinamento un testo di un nuovo contratto integrativo aziendale contenente i capitoli relativi a: premessa, relazioni industriali, sicurezza, presidio minimo, regolamento, trasferimento, regolamentazione trasferte, ore viaggio, maggiorazione turni, ferie/par, reperibilità, riduzione/congelamento di quota parte della retribuzione, PdR.

Il coordinamento ha valutato “insufficiente” il documento presentato dalla Direzione aziendale e ritiene utile costruire una discussione vera per il prosieguo del confronto, in tal senso sarà convocato a Roma il giorno 12 luglio il Coordinamento Nazionale.

Nel corso dell’incontro la delegazione sindacale, dopo un successivo confronto con l’Azienda per ulteriori chiarimenti sul testo presentato, ha avanzato richieste di integrazioni e maggiori esplicitazioni in merito a:

  • Prospettive e sviluppo (esplicitazione);

  • Mercati di riferimento, sviluppo commerciale e sua struttura sui singoli settori;

  • Definizione del rapporto e delle sinergie con la capogruppo Siram;

  • Impegno di riduzione dei costi generali (sprechi);

  • Ruoli e materie coordinamento nazionale/Rsu;

  • Programmi formativi finalizzati allo sviluppo professionale e per il recupero di posizioni disponibili nel gruppo (Siram/Semitec);

  • Regolamentazione per il trasferimento migliorativa rispetto a quella già prevista dal CCNL.

  • Verifica degli organici rispetto ad organizzazione del lavoro fino a 21 turni;

  • Regolamentazione per lo smaltimento Ferie/Par pregressi.

  • “Verifica” della modalità di ripristino/recupero della riduzione/congelamento di quote parte della retribuzione, comunque solo a fronte del mantenimento dei livelli occupazionali.

L’Azienda si è riservata di dare un riscontro alle nostre richieste per il prossimo incontro già programmato per il 13 luglio p.v.; è stato inoltre richiesto, nello stesso incontro, la presenza dell’AD per una completa illustrazione e del pieno sviluppo delle strategie aziendali.

 

Fim Fiom Uilm Nazionali

Coordinamento Nazionale Rsu Simav

 

Roma, 20 giugno 2016

Simav: lo stato d'agitazione continua

Category: Simav
Creato il Mercoledì, 27 Aprile 2016 11:42

LOGOFFU-180X120

 

Il giorno 21 Aprile u.s. si è riunito a Roma il Coordinamento nazionale delle Rsu di Simav.

Una riunione necessaria per fare il punto sulle 8 ore di sciopero dichiarate a livello nazionale e gestite a ogni livello territoriale e che hanno visto una straordinaria partecipazione dei lavoratori della Simav su tutto il territorio nazionale.

Iniziative di sciopero dichiarate dopo l’annuncio da parte della società di voler aprire una procedura di licenziamento per oltre 50 lavoratori/lavoratrici e con la dichiarata volontà di voler ridurre il costo del lavoro di 2 milioni di euro, pari al 8-10 % del totale.

Pertanto l’incontro del Coordinamento è stato anche un'occasione per potersi confrontare unitariamente sulla complicata vertenza che di certo non sarà né breve né semplice.

Il Coordinamento nazionale unitamente alle strutture nazionali e territoriali di Fim, Fiom e Uilm ribadiscono la piena contrarietà al piano di tagli occupazionali e al taglio dei trattamenti economici così come proposto dalla Simav.

L’efficientamento della Simav, la sua capacità di competere nel pur difficile mercato di riferimento non può e non deve essere scaricato sulle spalle dei lavoratori ma deve essere affrontato in modo organico ed equilibrato dentro un confronto vero, dove oltre ai tagli la Capogruppo Siram chiarisca quali opportunità e quali investimenti per un vero piano di rilancio ed efficienza della Simav.

Questo potrà aiutare un confronto che è facile prevedere molto difficile, confronto che non può prescindere a una trasparenza sui conti-costi aziendali, sulla gestione delle controllate, sulla capacità di fare scelte innovative tese a recuperare efficienza salvando opportunità occupazionali.

Il coordinamento nazionale della Simav ribadisce la necessità di verificare la possibilità di richiedere da parte delle Segreterie nazionali di Fim, Fiom e Uilm un incontro a Finmeccanica per comprendere e definire il quadro di regole relative alle prossime gare d’appalto, che consentano un rinnovo dei contratti con la massima attenzione ai temi occupazionali come tra l’altro già previsto dagli accordi da poco sottoscritti.

Le Segreterie nazionali di Fim, Fiom e Uilm congiuntamente al Coordinamento ribadiscono lo stato d'agitazione già dichiarato.

Nel caso Simav apra nei prossimi giorni la procedura di licenziamento saranno proclamate ulteriori iniziative di sciopero da effettuarsi in modo congiunto su tutto il territorio nazionale.

 

Fim, Fiom,Uilm nazionali

Coordinamento nazionale Simav

 

Roma, 27 aprile 2016

Solidarietà alle lavoratrici e ai lavoratori di Simav

Category: Simav
Creato il Venerdì, 22 Aprile 2016 14:43

LOGOFIOM-180X120

Nella giornata del 21 Aprile a Roma è stato convocato il Coordinamento di Simav, all'interno del quale è emersa una preoccupante situazione per il futuro, legata al mantenimento degli attuali appalti direttamente assegnati da Finmeccanica One Company.

Nel corso della discussione i delegati hanno evidenziato come la proroga degli appalti da parte di FGS  sta avvenendo, in alcuni casi anche su base mensile, con tutte le preoccupazioni che questo comporta per la visibilità sui perimetro produttivi e occupazionali.

Oltre ad esprimere la solidarietà del Coordinamento Fiom di Finmeccanica ai Lavoratori della Simav, i quali per la stragrande maggioranza provengono dalle attuali divisioni presenti in Finmeccanica One Company, frutto di precedenti scelte aziendali, si evidenzia sempre maggiormente la criticità dell'attuale riorganizzazione in corso, legata direttamente al tema degli appalti in Finmeccanica.

Poiché tale punto è stato oggetto di discussione ed evidenziato in uno dei capitoli dell'accordo di Finmeccanica One Company siglato a Febbraio, chiederemo al più presto un incontro con FGS al fine di comprendere e dare una valutazione rispetto alle scelte che l'azienda intende adottare nell'assegnazione degli attuali e futuri appalti.

Ricordiamo infine che come già espresso al tavolo con Finmeccanica, le strutture nazionali e territoriali della Fiom-Cgil sono impegnate e si attiveranno per fornire un supporto legale e sindacale a tutti i lavoratori degli appalti all'interno del perimetro di Finmeccanica One Company.

 

FIOM NAZIONALE

 

Roma, 22 aprile 2016

Simav: ”No ai licenziamenti”

Category: Simav
Creato il Martedì, 12 Aprile 2016 14:23

logo ffu-ok

In data 7 aprile u.s. si è tenuto, presso la sede di Assistal di Roma,il previsto incontro tra le segreterie Nazionali e Territoriali Fim Fiom Uilm, coordinamento RSU e la Direzione aziendale di Siram e Simav per una verifica sugli aspetti occupazionali e sul costo del lavoro.

La Direzione aziendale Siram ha confermato la trattativa in corso, con MecFond, per l’aumento del pacchetto azionario detenuto in SIMMEC e la verifica della partnership per le attività in AdR.

La Direzione aziendale di Siram/Simav ha riconfermato la necessità di intervenire anche sul costo della manodopera (-8%) a fronte della forte perdita registrata nell’anno 2015 ; Simav ha elencato i dati relativi all’assenteismo (6,16 %) ed in conseguente eccessivo ricorso allo straordinario (51.000 h), l’enorme accantonamento di ferie/PAR (73.000 ore) e l’eccessivo costo medio/h pari a 32 euro.

Con tale rappresentazione la Direzione aziendale ha riconfermato l’annunciata volontà di voler procedere con l’avvio della procedura di mobilità per 52 lavoratori, al netto degli 11 lavoratori che sono stati già riassorbiti dalla società aggiudicatrice delle attività Ansaldo STS.

Le organizzazioni sindacali hanno evidenziato l’inopportunità della procedura sia nei tempi, vista l’incertezza di un assetto produttivo definitivo per le trattative Simmec (presso cui sono distaccati 55 lavoratori Simav) e AdR in corso, sia nei numeri, vista l’approssimazione dei dettagli sulla dislocazione degli esuberi dichiarati e l’incongruenza rispetto agli obiettivi di risparmio dichiarati.

L’azienda ha però ribadito la propria posizione e la necessità di procedere anche in modo celere anche sul confronto dell’abbattimento del costo del lavoro per essere competitiva nell’offerta delle imminenti scadenze delle prossime gare.

Il Coordinamento, pur avendo preso consapevolezza della necessità di confrontarsi con i temi posti dalla Direzione di Simav, ha ritenuto “inaccettabili” le dichiarazioni e le posizioni aziendali ed ha convenuto di proclamare un pacchetto di 8 ore di sciopero da effettuarsi nei prossimi 15 giorni a gruppi di 2 ore e con le modalità che saranno stabilite a livello territoriale con il blocco delle flessibilità e straordinari.

 

FIM, FIOM, UILM NAZIONALI

 

Roma, 12 aprile 2016

Simav. Informativa sull’andamento aziendale

Category: Simav
Creato il Lunedì, 04 Aprile 2016 13:00

logo ffu-ok

In data 30 marzo u.s. si è tenuto, presso la sede di Assistal di Roma, l’incontro tra le segreterie Nazionali e Territoriali Fim Fiom Uilm, coordinamento RSU e la Direzione aziendale di Siram e Simav per una informativa sull’andamento aziendale.

L’ Amministratore Delegato di Siram, Frèdèric Van Heems, dopo aver riconfermato la volontà di Veolia nel voler investire in Siram, ha illustrato le strategie previste dal piano industriale 2015-2018 in cui Simav rappresenta un elemento strategico per il rilancio del Gruppo nel settore “Industria e Infrastrutture”.

L’ AD ha evidenziato che per il consolidamento e lo sviluppo delle aziende di tutto il Gruppo, sarà però necessario continuare nell’azione della riduzione dei costi fissi di struttura e questo riguarda la anche la controllata Simav.

F. Van Heems ha inoltre annunciato che, sulla base della previsione di chiusura in perdita del bilancio anno 2015 di Simav (- 6Mil. di euro) ed a seguito della recente perdita dei contratti con Ansaldo Sts e della riduzione di attività su ADR, è stato quantificato un esubero pari a 50 lavoratori.

In particolare sulle attività ADR la società ha comunicato la scelta di ricercare partnership che consentano una gestione più definita di un’attività non proprio tradizionale e centrale della mission di Simav.

Il nuovo A.D. di Simav, Ing. Antonio Gianni, ha invece rappresentato le linee guida del piano di rilancio articolato attraverso le divisioni della Difesa, Infrastrutture ed Industria (Finmeccanica).

La Direzione aziendale ha comunicato di aver già instaurato una nuova interlocuzione con Finmeccanica per il consolidamento delle attività in essere e l’acquisizione di nuove.

Il management di Simav ha dichiarato che, per poter competere con successo nella partecipazione delle prossime gare, occorrerà migliorare sia il servizio che il prezzo di offerta.

L’ing. Antonio Gianni, ha quindi annunciato una serie di interventi per verranno messi in campo per ridurre i costi generali ed un intervento per ridurre il costo del lavoro senza però chiarirne i particolari.

Le OO.SS. ed il Coordinamento nazionale pur apprezzando la presenza all’incontro, dei massimi vertici aziendali di Siram, hanno stigmatizzato l’ennesimo cambio di AD di Simav, al tempo stesso valutando positivamente, la dichiarata volontà di voler continuare ad investire nella società, anche attraverso la ricapitalizzazione che sarà necessaria a fronte delle perdite registrate con la chiusura del bilancio 2015.

Le Segreterie Nazionali di Fim-Fiom-Uilm hanno evidenziato alla delegazione aziendale le priorità con le quali la società dovrà misurarsi a partire dalla vicenda Simmec, che in ogni caso sarà necessario affrontare e risolvere, visto anche il momento particolare del mercato Finmeccanica che può diventare un’opportunità da cogliere con scelte chiare e credibili.

Le organizzazioni sindacali hanno inoltre ricordato le responsabilità delle scelte sbagliate e della cattiva gestione del precedente management che negli ultimi quattro anni si sono succeduti alla guida della società, nonostante le sollecitazioni e le richieste di discontinuità avanzate dalle Organizzazioni sindacali nel corso degli anni.

Il Coordinamento sindacale ha fatto recedere la Direzione aziendale dalla decisione di voler procedere con l’avvio della procedura di mobilità, a fronte di una disponibilità a confrontarsi per verificare le condizioni per un accordo per la gestione degli esuberi dichiarati e sul costo del lavoro.

Il Coordinamento ha convenuto, in attesa dell’incontro già programmato per il prossimo 7 aprile, di dichiarare lo stato di agitazione.

 

FIM, FIOM, UILM NAZIONALI

 

Roma, 4 aprile 2016

Simav: un piano industriale per la crescita

Category: Simav
Creato il Giovedì, 11 Febbraio 2016 13:02

logo ffu-ok

Il 9 febbraio 2016 presso l’Unindustria di Roma si è svolto l’incontro tra la Simav Spa e il coordinamento Rsu assistito da Fim, Fiom, Uilm nazionali. L’azienda ha comunicato lo stato di difficoltà segnatamente per quanto riguarda i risultati negativi di bilancio degli anni 2014 aggravati nel 2015. A questa situazione negativa si aggiungono elementi di incertezza relativamente agli appalti, sia per quanto concerne Finmeccanica nonché le attività di manutenzione mezzi presso l’aeroporto di Fiumicino.

L’azienda ha comunicato nel contempo il mantenimento e il rinnovo di alcuni appalti. Inoltre, ha sottolineato lo stato di precarietà della controllata Simmec la quale, conta circa 260 lavoratori, 200 propri, 60 distaccati e si vede rinnovati gli ordini di mese in mese per mono cliente Alenia. Al tavolo la presenza della capogruppo Siram ha dichiarato la strategicità della Simav ma anche che si rende necessario nei tempi brevissimi un piano industriale che tenda alla rimodulazione complessiva dei costi generali e un riequilibrio degli organici sia a livello territoriale che strutturale. Il piano industriale complessivo dovrebbe prevedere la rinternalizzazione di alcune attività nonché il rafforzamento delle attività commerciali supportate dalla Capogruppo.

La Siram ha inoltre dichiarato la volontà di condividere il piano industriale con le organizzazioni sindacale e il coordinamento Rsu ma che, in ogni caso, non può venir meno alle proprie prerogative pena il futuro di Simav.

Il coordinamento Rsu unitamente alle Organizzazioni sindacali hanno manifestato la loro preoccupazione rispetto ad un’azienda che da oltre un anno traccheggia nonostante l’utilizzo degli ammortizzatori sociali e che le strategie adottate, sia per la diversificazione (vedi aeroporti), sia verso il cliente Finmeccanica (vedi Simmec), non sembrano aver prodotto una prospettiva di sviluppo. Gli unici elementi indicati sono il taglio dei costi e il taglio degli organici, una ricetta che manifesta l’inadeguatezza del gruppo dirigente al quale è sfuggito il cambiamento che sta avvenendo in Finmeccanica nonché ciò che avvenuto in Alitalia.

Il coacervo di situazioni insostenibili, frutto dei processi di esternalizzazioni di Finmeccanica, insieme a un’idea non sempre industriale della gestione aziendale, hanno diminuito le possibilità di rimanere nel mercato e di essere un attore protagonista per i requisiti di professionalità che i lavoratori esprimono.

Si rende necessario un piano industriale sostenuto dalla Capogruppo, non solo con risorse economiche, ma anche con l’identificazione di responsabilità precise che punti alla crescita, condizione necessaria per un riequilibrio dei costi.

In questa prospettiva le Organizzazioni sindacali ed le Rsu sono disponibili a un confronto serrato con Simmec/Simav/Siram. Sulla scorta delle rispettive posizioni le parti hanno condiviso le date del 4 e 30 marzo per il proseguo del confronto.

 

Fim, Fiom, Uilm nazionali

 

Roma, 11 febbraio 2016

Simav. Mancano certezze e prospettive

Category: Simav
Creato il Giovedì, 29 Ottobre 2015 10:45

logo ffu-ok

Lunedì 26 ottobre 2015, presso l’Unione degli Industriali di Roma, si sono incontrati la Direzione aziendale di Simav, rappresentata dall’Amministratore Delegato e il Coordinamento della Rsu unitamente alle Organizzazioni sindacali nazionali di Fim, Fiom, Uilm.

L’azienda ha rappresentato il permanere di una situazione di difficoltà che prosegue dal 2014.

Il contesto di mercato, la fortissima riduzione di prezzi, insieme alla svalutazione di crediti inesigibili produrranno con ogni probabilità un bilancio in negativo. Le prospettive per il 2016 confermano le aree di difficoltà che sono sintetizzabili con le trasformazioni del cliente Finmeccanica e l’annunciato possibile intervento diretto di Alitalia nella gestione dei mezzi all’aeroporto di Fiumicino (Roma).

L’azienda inoltre ha dichiarato sempre più possibile la dismissione delle divisioni biomasse.

L’Amministratore Delegato ha confermato l’impegno della capogruppo Siram per il rilancio di Simav e della controllata Simmec, sia per consolidare un proficuo rapporto con Finmeccanica anche modificando il rapporto da fornitore a partner per alcune attività specifiche - che vale attualmente circa il 35/36% del fatturato - sia per proseguire il processo di trasformazione che prevede investimenti nei settori ritenuti strategici - difesa, infrastrutture, industria e farmaceutico.

Prosegue inoltre la gestione della Cigs, secondo le previsioni dell’accordo sulla stessa e le uscite volontarie del personale.

Le Organizzazioni sindacali unitamente al Coordinamento Rsu hanno evidenziato l’insufficienza di certezze rispetto alle prospettive ed hanno dichiarato la disponibilità ad un confronto che assuma a valore il mantenimento dei livelli occupazionali e delle condizioni di lavoro.

 

FIM, FIOM, UILM NAZIONALI

 

Roma, 29 ottobre 2015

Simav: informativa annuale

Category: Simav
Creato il Mercoledì, 22 Luglio 2015 15:25

logo ffu-ok

In data 15 luglio si è tenuto, presso la sede di Unindustria di Roma, l’incontro tra le segreterie Nazionali e Territoriali Fim, Fiom, Uilm coordinamento RSU e la Direzione aziendale di Simav per l’informativa annuale.

L’Amministratore Delegato, Marco Cittadini, ha illustrato l’andamento della Simav che ha registrato, per l’anno 2014, un sostanziale mantenimento dei ricavi pari a 86 M/euro rispetto ad un risultato netto negativo pari a circa 2,5 M/euro.

La Direzione aziendale, supportata dalla Siram, ha espresso la forte volontà nel voler continuare ad investire in Simav e sviluppare i diversi business in un’ottica di focalizzazione di mercato distinto da quello svolto della Capogruppo.

L’anno in corso sarà ancora un anno difficile per quanto concerne i risultati economici.

L’A.D. ha proseguito dichiarando che Simav si concentrerà, in particolare, nello sviluppo delle attività infrastrutturali di porti, aeroporti e basi militari (Decimomannu e Sigonella); opportunità di crescita sono previste con la commessa di Aeroporto di Napoli.

Infine, per quanto concerne la ridefinizione del ruolo e dell’assetto societario di Simmec, al momento non risulterebbero sostanziali novità; la gestione degli impianti Alenia Aermacchi proseguirà, come concordato, almeno fino al 31 dicembre di quest’anno.

Nel mese di settembre si procederà con la prima verifica semestrale della gestione dell’accordo di CIGS.

 

Fim, Fiom, Uilm Nazionali

Roma, 22 luglio 2015

Simav-Simmec: mantenere retribuzioni e tutele

Category: Simav
Creato il Lunedì, 22 Giugno 2015 17:47

LOGOFFU-180X120

 

In data 17 giugno si è tenuto, presso la sede dell’Unione Industriali di Napoli, il previsto incontro tra le Segreterie nazionali e territoriali di Fim, Fiom e Uilm, il coordinamento RSU e i rappresentanti di Simmec e Simav in merito al contratto per il servizio di manutenzione degli impianti produttivi di Alenia Aermacchi.

Nel corso della riunione le Direzioni aziendali delle due aziende hanno ribadito le disponibilità, già anticipate con la comunicazione dell’8 giugno u.s., ad “assumere un numero massimo di 55 lavoratori ed a garantire loro le medesime condizioni normative e retributive con esclusione delle somme erogate sotto la voce EDR2 e dell’indennità di turno”.

Le Organizzazioni sindacali hanno preso atto del mancato accordo tra Simav e Mecfond sull’assetto societario di Simmec e, per scongiurare il rischio di perdita della commessa, hanno riconfermato la disponibilità al confronto per la gestione dell’eventuale passaggio dei lavoratori da Simav a Simmec, fermo restando “il mantenimento della retribuzione annua e la conservazione delle tutele oggi in essere”; resterebbe,comunque, ancora da verificare se, rispetto agli attuali distaccati di Simav in Simmec, ci possa essere eventuale personale indiretto (legato alla commessa) non ricompreso nel numero individuato.

Le OO.SS. auspicano che ci possa ancora essere la volontà e le condizioni, da parte dei soggetti interessati, per individuare una soluzione condivisibile che eviti scenari incerti sia per i lavoratori Simav che per quelli di Simmec.

 

FIM FIOM UILM NAZIONALI

 

Roma, 22 giugno 2015

Simav. Disponibili al confronto ma a pari condizioni per i lavoratori

Category: Simav
Creato il Giovedì, 11 Giugno 2015 11:17

logo ffu-ok

In data 5 giugno si è tenuto, presso la sede nazionale di Fim Fiom e Uilm il previsto incontro tra le segreterie Nazionali ed i rappresentanti di Simav e Simmec.

La Direzioni aziendali delle due aziende hanno evidenziato l’attuale gestione del contratto per il servizio di manutenzione degli impianti produttivi di AleniaAermacchi che oggi vede come primo interlocutore la controllata Simmec; il cliente avrebbe comunicato come scadenza ultima del contratto la data del 15.giugno p.v.

Al fine di conseguire la proroga del contratto in questione, le aziende hanno manifestato la necessità di voler procedere ad una nuova definizione societaria attraverso un passaggio di quote azionarie; l’accordo per l’assetto azionario tra le società e lo sconto pari a circa il 30% sull’importo totale contrattualizzato per le attività già in essere è condizione indispensabile per AleniaAermacchi per non procedere ad aggiudicazione con gara dopo il termine del 15 giugno.

Il contratto in questione vede coinvolti 55 lavoratori (dipendenti Simav in distacco in Simmec) nei diversi siti del cliente distribuiti sul territorio nazionale ed ulteriori 7 lavoratori impiegati sull’area di Capodichino; per quest’ultimi sarebbe già stata individuata una soluzione alternativa di ricollocazione attraverso una commessa Simav o Simmec di prossima di conferma.

In caso di accordo sul nuovo assetto azionario con Simav con controllo Simmec e conferma delle attività da parte del cliente AleniaAermacchi, la Società controllata Simmec si renderebbe disponibile ad assicurare la continuità occupazionale di tutte le restanti 55 unità (oggi distaccati) alle stesse condizioni economiche del personale già presente in Simmec attraverso un passaggio di dimissioni-assunzione.

Le segreterie nazionali hanno invitato entrambe le società a raggiungere in tempi strettissimi un accordo sulla governance, per scongiurare il rischio di perdita della commessa (con le gravi conseguenze occupazionali che ne deriverebbero), e si sono rese disponibili, fin dal prossimo incontro previsto il 17 giugno p.v., a confrontarsi, in caso di passaggio, sulle condizioni economiche e normative, fermo restando il mantenimento della retribuzione annua e la conservazione delle tutele, in caso di licenziamento, oggi previste per lavoratori interessati.

Dovrà essere oggetto di verifica anche gli eventuali riflessi organizzativi in Simav derivanti dall’eventuale passaggio delle attività in Simmec.

 

FIM FIOM UILM NAZIONALI

 

Roma, 10 giugno 2015

Simav/Simmec: iniziato il confronto!

Category: Simav
Creato il Venerdì, 29 Maggio 2015 11:59

LOGOFIOM-180X120

Si è svolto un incontro presso l’unione industriale di Napoli, un incontro tra le società Simav e Simmec con le rispettive delegazioni sindacali coordinate dalle strutture Nazionali e Territoriali.

All’incontro le aziende hanno illustrato la necessità di proporre al cliente Alenia un nuovo progetto di gestione dei servizi, più efficiente e più efficace in linea con le necessità organizzative dei vari stabilimenti Alenia, ricorrendo anche a nuove formule di ODL e di funzioni operative.

Le Oo.Ss. hanno chiaramente espresso le perplessità rispetto al un nuovo modello, chiedendo tutti i necessari approfondimenti al fine di garantire sia livello occupazionale sia i trattamenti economici e normativi di tutti i lavoratori Simav e Simmec.

Si è pertanto ritenuto di riconvocare l’incontro al prossimo 17 giugno sempre con la stessa composizione prevedendo durante questo periodo degli incontri a delegazioni ristrette rispetto il primo dei quali si terrà il 5 giugno a Roma.

Si terranno delle assemblee informative in tutti i luoghi di lavoro da parte delle Rsu.

 

FIM, FIOM, UILM NAZIONALI

 

Roma, 29 maggio 2015

Simav. l'11 maggio un incontro chiarificatore

Category: Simav
Creato il Giovedì, 30 Aprile 2015 14:48

logo ffu-ok

 

Dalle informazioni pervenuteci ci risulterebbe che l’intesa sul riassetto azionario della controllata SIMMEC non sia stata ancora perfezionata tra i soci.

Data la strategicità di tale questione, per le prospettive di SIMAV e SIMMEC, è necessario avere un chiarimento ed una visione sugli eventuali riflessi sull’organizzazione del lavoro di entrambe le società, in particolare per le attività della commessa con il cliente Alenia Aermacchi.

Per il giorno 11 maggio p.v. è già previsto un incontro in cui le organizzazioni sindacali chiederanno i necessari chiarimenti sul tema.

Riteniamo quindi opportuno che fino a tale riunione l’azienda mantenga l’attuale assetto organizzativo tra SIMAV e SIMMEC (turnistica, distacchi, contratti interinali, ecc) anche al fine di non inficiare la qualità del servizio al cliente.

 

FIM FIOM UILM NAZIONALI

 

Roma, 30 aprile 2015

Simav: Cambio AD, si ricomincia?

Category: Simav
Creato il Martedì, 02 Dicembre 2014 15:39

logo ffu-ok

 

Si è svolto, in data 27 novembre, a Roma, presso Unione Industria di Roma, l’incontro tra la Direzione di Simav e Siram, Fim, Fiom, Uilm nazionali ed il coordinamento nazionale RSU.

La Direzione aziendale ha anticipato, alla delegazione presente, la prossima sostituzione dell’attuale Amministratore Delegato, Ing Franco Morini, con il Dott. Marco Cittadini, la cui formalizzazione avverrà nei prossimi giorni.

Ing. Mangozza, nel ribadire il persistere delle difficoltà di mercato e dell’incertezza sullo scenario futuro, anche in prospettiva alla ristrutturazione del Gruppo Finmeccanica, ha confermato l’avanzamento del processo di riorganizzazione della Simav che consentirà, in particolare, lo sviluppo delle attività per il Ministero della Difesa e ADR; non trova, al momento, ancora conferma l’affidamento della attività per la manutenzione impianti produttivi per il cliente Alenia, attraverso la controllata Simmec, ed il consolidamento del processo di sinergie con la Capogruppo Siram attraverso il “centro servizi”.

Le previsioni per l’anno 2015 delineano un andamento di consolidamento dei volumi di attività e giro d’affari e difficoltà crescenti per recuperare marginalità sulle commesse.

Le OO.SS., pur apprezzando gli sforzi compiuti dall’azienda nella diversificazione delle attività, hanno fortemente stigmatizzato l’ennesimo cambio di A.D. (il terzo nell’arco di quest’anno) operato dalla Siram, a cui potrebbe seguire un cambio di strategie sulle prospettive della Simav; tale condizione, infatti, non contribuisce a rafforzare la stabilità e la credibilità necessaria per gli sviluppi commerciali prefissati dall’azienda.

Pertanto, le OO.SS. hanno chiesto, nuovamente, all’azienda di aprire una discussione complessiva anche per gli aspetti legati all’organizzazione aziendale, alle strategie commerciali ed alle sinergie con la capogruppo Siram; è stata inoltre sollecitata la Direzione aziendale di migliorare le “relazioni industriali” a livello locale.

Infine, per quanto concerne il PdR, l’azienda si è riservata di verificare, entro la metà del mese di dicembre, l’eventuale disponibilità ad un riconoscimento relativamente all’anno 2014.

 

Fim, Fiom Uilm Nazionali

 

Roma, 2 dicembre 2014   

Simav. Fim, Fiom, Uilm: comunicato sindacale

Category: Simav
Creato il Giovedì, 10 Luglio 2014 18:13

logo ffu-ok



In data 8 luglio 2014 presso Assistal di Roma si è svolto l'incontro tra la Direzione Simav, con la presenza della capogruppo Siram ed il Coordinamento Rsu, assistite dalle Segreterie nazionali di Fim, Fiom, Uilm, per affrontare il tema delle prospettive industriali dell'Azienda in relazione ai futuri appalti, all' autonomia dalla capogruppo, alle aziende controllate (Simmec, ecc), al rinnovo dell'integrativo ed al riconoscimento del pregresso.
La Simav ha rappresentato il processo di trasformazione che è avvenuto nell'ultimo triennio da azienda sostanzialmente monocliente (Finmeccanica) ad azienda che opera in diverse aree di attività (aereoporti, impianti, difesa) anche dentro alla crisi più generale del contesto economico. Ha poi illustrato i dati riguardanti il fatturato ed il numero degli addetti ambedue in flessione del 2013, pur mantenendo una marginalità positiva con un incremento degli infortuni. Inoltre il rapporto sinergico con la capogruppo Siram, avviato faticosamente, dovrebbe garantire secondo l'Azienda maggiori opportunità sul mercato nonché una gestione più attenta dei costi. Concetto sottolineato con forza dalla capogruppo nello stesso incontro al punto che, pur ribadendo l'autonomia di business della Simav, ha ricondotto alla necessità di comportamenti coerenti per quanto riguarda gli obbiettivi strategici nonché gli aspetti di carattere organizzativo.
La Simav ha poi sottolineato la propria attenzione rispetto al cliente Finmeccanica e la volontà di partecipare alle gare di appalto che ci saranno con tutti gli strumenti disponibili anche con le aziende controllate (Simmec, ecc) per raggiungere l'obiettivo con l'assegnazione delle attività Alenia a Simmec, a partire da gennaio 2015.
Il Coordinamento Rsu unitamente alle OO.SS. ha sottolineato l'esigenza di avere un confronto sul piano industriale di Simav, ivi compreso un confronto con Simmec, partendo dal presupposto che l’eventuale spogliazione di attività potrebbe portare ad effetti negativi sulla tenuta occupazionale. Inoltre, ha stigmatizzato il sistema di intervento della Siram con comunicazioni che ineriscono ai rapporti contrattualizzati di Simav, che invece prevedono confronti preventivi con le Rsu e, inoltre, ha sottolineato la totale assenza di trasparenza sul sistema di informazioni rispetto alla gestione organizzativa.
Le OO.SS. hanno appreso, al termine dell'incontro, le ennesime ulteriori dimissioni dell'Amministratore Delegato del Gruppo in quanto superata l'ipotesi di vendita della società.


Fim, Fiom, Uilm nazionali

 

Roma, 10 luglio 2014

 

Simav. Comunicato sindacale di Fim, Fiom e Uilm

Category: Simav
Creato il Martedì, 17 Giugno 2014 12:02
logo ffu-ok
 

Si è svolto, in data 13 giugno, a Roma, presso gli uffici dell’Assistal, l’incontro tra la Direzione risorse umane di Simav, Fim-Fiom-Uilm nazionali, unitamente alla commissione tecnica delle RSU del coordinamento nazionale, per il prosieguo del confronto sul rinnovo del contratto integrativo aziendale.

 

 

Simav: primo incontro interlocutorio. Rinnovo Integrativo

Category: Simav
Creato il Giovedì, 08 Maggio 2014 16:15
 
Si è svolto, in data 7 maggio, a Roma, presso gli uffici della Direzione di Via Belli, l’incontro tra la Direzione risorse umane di Simav, FIM-FIOM-UILM nazionali,unitamente alla commissione tecnica delle RSU del coordinamento nazionale, per il primo confronto sul rinnovo del contratto integrativo aziendale.
La riunione è stata preceduta dalla comunicazione da parte del Direttore generale, Luigi Mangozza, in merito all’avvicendamento, alla carica di Amministratore Delegato, tra Roberto Rossi e Giuseppe Gotti.
La delegazione sindacale ha espresso, al dirigente, l’esigenza di avere, quanto prima, un quadro chiaro sulla missione industriale, scenario e mercato di riferimento in cui la Simav dovrà operare nei prossimi anni.
Le OO.SS. hanno indicato i temi sui cui dovrà svilupparsi la discussione:
 
  • Recupero quota PdR (non erogato) relativo agli anni 2012 e 2013

  • Rinnovo accordo PdR per il prossimo triennio

  • Verifica “Orario di lavoro” (entrata/uscita)

  • Sistema di relazioni industriali

 
La delegazione sindacale ha chiesto all’azienda di proseguire con gli incontri di verifica a livello locale, con RSU/OO.SS. territoriali, sul tema dell’orario di lavoro.
La Direzione aziendale si è resa disponibile a confrontarsi sui temi posti dalle OO.SS. chiarendo che la discussione dovrà comprendere anche una verifica delle “prassi e consuetudini”, ritenute dall’azienda anacronistiche, e modalità di fruizione ferie/PAR
Il confronto, tra Direzione Aziendale e Commissione tecnica RSU, proseguirà il prossimo 27 maggio, a cui seguirà una discussione con l’intero coordinamento nazionale RSU Simav nella prima decade del mese di Giugno.

 

FIM-FIOM-UILM Nazionali

 

Roma, 8 maggio 2014

 

Simav. Riprende il confronto per il rinnovo dell’integrativo

Category: Simav
Creato il Martedì, 15 Aprile 2014 12:41


Si è svolto, in data 9 aprile, presso la sede dell’ UniIndustria di Roma l’incontro tra la Direzione risorse umane di Simav, Fim, Fiom, Uilm nazionali,unitamente al Coordinamento nazionale delle Rsu di Simav, per approfondire la situazione aziendale.
La Direzione aziendale ha illustrato il contingente quadro generale dell’azienda e delle attività riconfermando una sostanziale “tenuta” (anche a seguito della proroga delle attività dei laboratori metrologici, Decimomannu e Kosovo) con una previsione di ricavi che consentiranno il mantenimento degli attuali livelli occupazionali; per consolidare questa prospettiva la D.A. ha anticipato l’intenzione di avviare di una procedura di mobilità “volontaria” per consentire ai lavoratori, che ne facciano richiesta, di poter maturare i requisiti necessari per il pensionamento.
Le Oo.Ss. hanno espresso la piena contrarietà all’applicazione della nuova direttiva sugli “orari di lavoro” che non considera le diverse necessità ed esigenze delle singole sedi risultando inutile ed inefficace per i lavoratori e la stessa azienda; la Direzione Aziendale si è dichiarata disponibile a verificare a livello territoriale, con le RSU e segreterie provinciali, una eventuale diversa applicazione della nuova normativa.
In merito alla partecipazione alle future gare, in particolare quella per la manutenzione degli “impianti produttivi” di AleniaAermacchi, le Oo.Ss. ed il coordinamento hanno chiesto che sia considerato prioritario l’aspetto “occupazionale” oltre a quello “commerciale” (partecipazione Simav/Simmec).
Abbiamo,infine, rinnovato la richiesta all’azienda di aprire immediatamente un confronto per il rinnovo dell’integrativo,compreso il mancato riconoscimento del PdR per l’anno 2013.
L’azienda si è resa disponibile ad aprire la discussione a partire dal prossimo 7 maggio p.v. a cui parteciperanno le segreterie nazionali di Fim Fiom e Uilm ed una commissione tecnica composta da componenti del coordinamento nazionale delle Rsu.

 

Fim, Fiom, Uilm nazionali

 Roma, 15 aprile 2014

Leggi anche