Ilva. Re David (Fiom), nessun passo avanti


“Si è tenuto oggi al Ministero dello Sviluppo Economico il tavolo Ilva sull’occupazione. Al momento nè ArcelorMittal ha cambiato posizione sul piano occupazionale, nè il Governo ha portato novità.
Se il Governo convoca nei prossimi giorni saremo presenti, ma senza un cambiamento delle posizioni dell’azienda su occupazione e diritti per le lavoratrici e i lavoratori, il tavolo non farà nessun passo avanti. Il Governo è uno dei firmatari del contratto di aggiudicazione, e quindi deve assumersi le proprie responsabilità.
Attualmente sono impiegati nei diversi stabilimenti 13522 dipendenti, di cui 2367 in cassa integrazione, come dichiarato dai Commissari all’audizione al Senato. È inaccettabile che a fronte di un raddoppiamento della produzione con l’obiettivo entro il 2023 di 10 milioni di tonnellate di acciaio, di cui 8 milioni di tonnellate prodotte a Taranto, non si preveda la collocazione di tutti i 14 mila lavoratori. Per la Fiom, inoltre, vanno garantire le migliori condizioni per l’ambiente e per la salute dei cittadini di Taranto e va rispettato l’accordo di programma di Genova”. Lo dichiara in una nota Francesca Re David, segretaria generale Fiom.
Allegati:
FileDimensioneData
Scarica questo file (ILVA cs Fiom 6 agosto 2018.pdf)Ilva. Re David (Fiom), nessun passo avanti'163 kB06-08-2018
IlvaRe David