Mercoledì, 21 Agosto 2019

Aferpi Piombino. Incontro al Mise sul programma degli investimenti

Nella giornata di martedì 19 febbraio 2019 si è svolto presso la sede del Ministero dello sviluppo Economico, l’incontro richiesto dalle Organizzazioni Sindacali con la società Aferpi, con la presenza del Comune di Piombino, Regione Toscana e l’Autorità portuale.

 

L’incontro aveva come obbiettivo quello di fare una prima valutazione relativa all’accordo di programma sottoscritto dall’azienda con le istituzioni, nonché del verbale di riunione del 12 giugno 2018 sottoscritto da Fim, Fiom e Uilm.

Per quanto riguarda le iniziative in atto Aferpi ha iniziato le opere di demolizione e a breve verranno valutate le offerte di aziende specializzate per quanto riguarda il primo lotto.

Così come sono state attivate delle linee di credito con importanti istituti di credito al fine di poter avere a disposizione un adeguato “circolante”.

Per quanto riguarda la produzione c’è da segnalare che per il mese di marzo è prevista la contestuale attività dei tre laminatoi con un impiego di circa 1.000 tempi pieni equivalenti.

Mentre sul piano degli investimenti, l’azienda ha dichiarato che potrebbe dar corso alla realizzazione in brevi tempi di un sistema di tempra per rotaie del valore pari a circa 30 milioni di €.

Come Organizzazioni Sindacali pur apprezzando il lavoro fin qui realizzato dall’azienda, abbiamo chiesto una accelerazione del piano degli investimenti così come poter meglio comprendere le prime valutazioni del piano di fattibilità necessario per la realizzazione dei forni elettrici.

Investimento previsto per la realizzazione del piano iniziale è condizione necessaria per poter tornare a produrre acciaio.

Produzione che potrebbe essere favorita da un progetto riguardante tutte le attività logistiche attraverso un ridisegno delle aree che potrebbero tra l’altro favorire l’inserimento di altre imprese del settore, anche come risposta positiva sul piano occupazionale.

Rispetto a questa nostra richiesta, si è registrata la disponibilità sia del Governo che della Regione Toscana a valutare tutte quelle condizioni che potrebbero favorire la realizzazione di forni elettrici in un contesto di migliore viabilità e di utilizzo di tutto l’ambito portuale.

Considerando i tempi di realizzazione di questo piano, come Organizzazioni Sindacali abbiamo fatto presente la necessità della messa a disposizione di adeguati ammortizzatori sociali per accompagnare e sostenere il reddito dei lavoratori durante questa lunga fase.

A fronte di ciò, si è deciso di aggiornare il confronto per la metà del mese di maggio chiedendo ad Aferpi una maggiore concretezza sul tema degli investimenti.

 

Fim, Fiom, Uilm nazionali

 

Roma, 20 febbraio 2019

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Dichiaro di aver letto e compreso l’informativa Privacy e Termini di Utilizzo e di prestare il consenso al trattamento dei miei dati per le finalità e secondo le modalità indicate nella Privacy policy