Sabato, 23 Marzo 2019

Agevolazioni previdenziali e coinvolgimento dei lavoratori


La circolare del 29 marzo 2018 fornisce ulteriori chiarimenti per quanto riguarda il concetto riguardante il coinvolgimento paritetico dei lavoratori.

L’esempio classico è quello in cui gli accordi prevedono strumenti e modalità di coinvolgimento paritetico dei lavoratori nell’organizzazione del lavoro.

Questo può realizzarsi attraverso un piano che preveda la costituzione di gruppi di lavoro in cui operano responsabili aziendali e lavoratori finalizzati al miglioramento o all’innovazione di aree produttive.

Devono inoltre prevedere strutture permanenti di consultazione e monitoraggio degli obbiettivi da perseguire, nonché la predisposizione di rapporti periodici che illustrano le attività svolte e i risultati conseguiti.

È quindi fondamentale che i lavoratori intervengano, ed esprimino opinioni che siano considerate di pari livello, importanza e dignità rispetto a quelle espresse dai responsabili aziendali e che consentano di migliorare le prestazioni produttive e la qualità del prodotto e del lavoro.

Il coinvolgimento paritetico deve essere formalizzato a livello aziendale attraverso un apposito “Piano” elaborato dall’azienda e in coerenza con quando sottoscritto nell’accordo aziendale.

Il Piano può essere elaborato anche attraverso comitati paritetici aziendali costituiti sempre quanto previsto dall’accordo aziendale.

I gruppi di lavoro con finalità di addestramento o formazione non sono strumenti conformi a stabilire il coinvolgimento paritetico dei lavoratori.

Il Piano deve prevedere:

    La situazione di partenza.

    Le azioni partecipative.

    Gli schemi organizzativi da attuare e i relativi indicatori.

    I risultati attesi in termini di miglioramento e innovazione.

    Il ruolo delle RSU.

Il Piano può riguardare progetti di innovazione già avviati.

A titolo semplificativo i Piani potrebbero prevedere schemi organizzativi di innovazione partecipata definiti come SOP o programmi di gestione partecipata PGP.

SOP

Sono forme di coinvolgimento diretto formalizzati in forma scritta tra datore di lavoro e dipendente. Possono prevedere gruppi di progetto, sistemi di gestione dei suggerimenti dei lavoratori, campagne di comunicazione relative a programmi di innovazione ecc.

PGP

Sono forme di partecipazione diretta dei lavoratori al fine di combinare risultati aziendali e qualità della vita e del lavoro.

Possono prevedere il lavoro in team pianificato, programmi di gestione della flessibilità del lavoro in modo condiviso (orari a menu, forme di part time, team di autogestione degli orari aziendali, turni, banca delle ore, lavoro agile).

Per quanto riguarda gli aspetti contributivi e fiscali:

    Gli accordi sottoscritti antecedentemente la data di entrata in vigore del decreto legge n.50 del 24 aprile 2017 continuano ad essere disciplinati dalle vecchie regole:

        assoggettati a tassazione agevolata del 10% del Premio fino a una soglia massima di Premio pari a 4.000€.

    Gli accordi stipulati successivamente alla data di entrata in vigore del decreto legge n.50 del 24 aprile 2017:

        assoggettati a tassazione agevolata del 10% del premio fino a una soglia massima di premio pari a 3.000€.

        Per una quota di erogazione fino a 800€ (all’interno dei 3000€) è introdotta la totale esenzione della contribuzione a favore dei lavoratori e una riduzione del 20% dell'aliquota contributiva a favore delle imprese.

        La decontribuzione fino a 800€ si aggiunge alla tassazione agevolata al 10% del premio.

Nella definizione degli accordi sindacali è necessario valutare molto attentamente questo argomento in quanto la partecipazione paritetica dei lavoratori determina che la parte del premio fino a 800€ annui viene esclusa ai fini del calcolo economico del trattamento pensionistico, con conseguenze diverse a seconda della situazione individuale dei lavoratori interessati.


Fiom nazionale

Search