Lunedì, 20 Maggio 2019

Fincantieri. C'è l'ipotesi di accordo, ora la parola ai lavoratori

LOGOFIOM-180X120


Dopo 18 mesi di negoziato e le ultime, ininterrotte, 24 ore di trattative, questa mattina è stata sottoscritta da Fim, Fiom, Uilm e Fincantieri l'ipotesi di accordo integrativo del più grande gruppo della cantieristica italiana.

Per Bruno Papignani, coordinatore nazionale Fiom della cantieristica, “quella raggiunta stamane nella sede di Confindustria è un'ipotesi di accordo che chiude 18 lunghi e a tratti drammatici mesi di trattativa e che respinge l'attacco di Fincantieri su orario di lavoro e pesanti riduzione dei diritti”.

“Un accordo attraverso il quale si garantisce la saturazione produttiva di tutti i cantieri italiani, si ripristina il premio di risultato, si ottengono dei soldi in welfare aziendale e si interviene sul lavoro in appalto.”

“Dopo 18 mesi di mobilitazione – continua – e di duro scontro con l'azienda, con momenti di forte divisione sindacale, essere riusciti a respingere un attacco che aveva visto cessare l'applicazione degli accordi aziendali e avere ricomposto l'unità di Fim, Fiom, Uilm è utile per gestire una fase delicata. Al punto in cui si era arrivati era necessario trovare un'intesa che non penalizzasse ulteriormente i lavoratori.”

Nei prossimi giorni, in tutti i cantieri, si riuniranno le rappresentanze sindacali unitarie e voteranno l'ipotesi di accordo che, successivamente, sarà messa in votazione fra tutti i lavoratori attraverso il referendum con voto segreto.

 

Fiom-Cgil/Ufficio Stampa

 

Roma, 24 giugno 2016

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

I agree with the Privacy policy

Search