Domenica, 25 Agosto 2019

Ancona, assolti Pullini e Ciarrocchi per i blocchi ferroviari del 2011

LOGOFIOM-180X120

Assolti per non aver commesso il fatto. Il coordinatore della Rsu Fincantieri di Ancona, Pierpaolo Pullini e il segretario regionale della Fiom marchigiana, Giuseppe Ciarrocchi, sono stati prosciolti dalla accuse di manifestazione non autorizzata e interruzione di pubblico servizio, in realzione all'inchiesta aperta dalla Procura di Ancona sulla manifestazione dei lavoratori Fincantieri del 22 aprile 2011, culminata con l'occupazione dei binari della ferrovia. La notizia è casualmente – ma significativamente - arrivata pochi giorni dopo il successo della “Notte Rossa”, organizzata dalla Fiom davanti al cantiere anconetano; due successi, quasi a voler segnalare quella che appare una rinascita della fabbrica navale dorica.

Dopo alcuni anni di forte crisi, che ha visto i lavoratori della Fincantieri collocati in cassa integrazione guadagni, con lo spettro dell'apertura della procedura di mobilità e del blocco totale delle attività, per il sito anconetano sembra prospettarsi un periodo di ripresa e lavoro a pieno regime.

Quello che appariva essere un residuato novecentesco, ormai sulla via del tramonto nella società del “post-lavoro”, grida con forza la propria attuale capacità produttiva, confermando che anche settori che in alcuni frangenti sono in perdita o in profonda crisi, dovrebbero ricevere il necessario aiuto per fronteggiare le difficoltà più o meno contingenti, nell'ottica del mantenimento delle potenzialità produttive in termini di impianti e uomini.

La situazione attuale è dunque ben distante da quella vissuta nell'aprile del 2011, quando i lavoratori dello stabilimento di Ancona indissero lo sciopero e la manifestazione sulla quale la Procura ha aperto l'inchiesta chiusa ieri con l'assoluzione di Pullini e Ciarrocchi. Ora l’attività giudiziaria potrà indirizzarsi a contrastare fenomeni malavitosi collegati all'esternalizzazione dei lavori da parte di Fincantieri, che nei casi peggiori si accompagna al fenomeno del caporalato. Di fronte al quale la Fiom Cgil provinciale di Ancona ha già presentato un esposto alla Procura della Repubblica per accertate le responsabilità penali delle persone coinvolte.

 

Fiom-Cgil nazionale

 

Roma, 16 settembre 2015

Tags:

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Dichiaro di aver letto e compreso l’informativa Privacy e Termini di Utilizzo e di prestare il consenso al trattamento dei miei dati per le finalità e secondo le modalità indicate nella Privacy policy

Search