Lunedì, 16 Settembre 2019

Papignani: «Fincantieri e l'olio di ricino dei trasferimenti»

LOGOFIOM-180X120

Dichiarazione di Bruno Papignani, coordinatore nazionale Fiom-Cgil per Fincantieri.

Anche nei momenti di dissenso forte, non mi sono mai imbattuto in un gruppo dirigente come quello di Fincantieri, che invece di ricercare soluzioni, chiude tutte le porte e sceglie con chi deve parlare, riproponendo la solita litania che per salvare l'immagine diffusa di un gruppo dirigente non proprio trasparente, ha bisogno di portare a casa princìpi.

Per quanto ci riguarda vogliamo un accordo che sia utile a tutto il gruppo e ai lavoratori. Su queste basi ribadiamo la nostra più ampia disponibilità a negoziare le nostre richieste. Anche le azioni di lotta di oggi, che hanno coinvolto i cantieri della Liguria, di Castellammare di Stabia e Marghera, vanno nella direzione di tentare di sbloccare un negoziato impostato in modo sbagliato da Fincantieri.

Purtroppo l'atteggiamento di questi giorni e di queste ultime ore di Fincantieri è invece orientato a destabilizzare la situazione, da una parte creando paura fra i lavoratori, utilizzando trasferte e trasferimenti come olio di ricino, dall'altro assumendo la filosofia assunta anche dal nostro Governo, azionista di maggioranza, di dividere per imperare, proponendo accordi per singole realtà.

La riuscita degli scioperi di oggi e quelli dei giorni scorsi non lasceranno spazio a questo modo pasticciato e sotterraneo di agire, anche se è la prassi utilizzata da Fincantieri.

 

Fiom-Cgil/Ufficio Stampa

 

Roma, 29 aprile 2015

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Dichiaro di aver letto e compreso l’informativa Privacy e Termini di Utilizzo e di prestare il consenso al trattamento dei miei dati per le finalità e secondo le modalità indicate nella Privacy policy

Search