Venerdì, 19 Aprile 2019

Abb. Rota (Fiom): “rappresaglia da anni 50”

Ieri Abb ha comunicato a un dipendente in procinto di rientrare in azienda, a Vittuone, dopo un periodo di aspettativa sindacale il licenziamento per “soppressione del posto di lavoro”. Una motivazione che appare pretestuosa e inaccettabile, sia perché in un gruppo con oltre 5.000 dipendenti sussistono sicuramente le possibilità di ricollocazione di un dipendente, sia perché nel confronto in corso l'azienda si è impegnata a ricercare soluzioni per attutire l'impatto occupazionale sui lavoratori operanti nei posti di lavoro interessati dalla riorganizzazione.

Per Mirco Rota, responsabile Fiom per il gruppo, “è sconvolgente il modo di operare della multinazionale. Non più tardi di qualche settimana fa Abb dichiarava al ministero del Lavoro di voler trovare soluzioni di ricollocazione di tutti i 123 esuberi di Vittuone e ora licenzia un sindacalista in procinto di rientrare motivandolo con la soppressione del posto. Si tratta di una rappresaglia contro chi in questi anni ha sostenuto le battaglie sindacali e che oggi l'azienda non vuole più come dipendente”.

“Essendo impegnati in una vertenza nella quale è pienamente coinvolto il ministero – conclude Rota – riteniamo indispensabile un intervento dell'Esecutivo nei confronti di Abb affinché il provvedimento venga immediatamente ritirato.”


Fiom-Cgil/Ufficio Stampa

Roma, 17 aprile 2019

Attachments:
FileFile size
Download this file (CS Fiom ROTA su ABB licenziamento.pdf)Abb. Rota (Fiom): “rappresaglia da anni 50”178 kB
Tags:

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

I agree with the Privacy policy

Search