Mercoledì, 19 Giugno 2019

Cnhi. Da domani a Torino si riunisce il Comitato aziendale europeo

Oggi si è riunito a Torino il Coordinamento delle delegate e dei delegati Fiom di Cnhi in vista della riunione di domani del Comitato aziendale europeo, dove la Fiom sarà rappresentata da Toni Inserra.

I delegati di tutti gli stabilimenti si sono scambiati informazioni e confrontati sulle prospettive del gruppo in Europa, con una attenzione particolare al futuro produttivo e occupazionale dato l’andamento di ciascun settore in cui opera Cnhi. Molte le aspettative sulle informazioni che si attendono dal confronto dei prossimi giorni, sia con l’azienda che nel rafforzamento del rapporto con i delegati degli altri paesi.

Da domani, e fino al 24 novembre, si terrà infatti la riunione annuale del Cae di Cnhi, al quale parteciperanno i delegati da tutti i paesi europei nei quali è presente Cnhi.

“Il Cae è un importante strumento, l’unico che abbiamo a livello europeo, attraverso il quale l’azienda ha il dovere di informare i propri lavoratori e di consultarli sull’andamento e sulle strategie del Gruppo”, così Michele De Palma, responsabile automotive per la Fiom, che conclude “proprio per l’importanza che questa occasione rappresenta abbiamo voluto rendere la riflessione che precede l’appuntamento patrimonio di tutte e tutti i delegati. Volevamo dare al nostro delegato a livello europeo tutti gli elementi utili per svolgere il suo ruolo e, allo stesso tempo, tenere informati tutti i delegati. È fondamentale che il Cae risponda ad un elemento preciso: portare le informazioni a tutte le lavoratrici e i lavoratori”.

“Dopo anni di assenza - aggiunge Valentina Orazzini, responsabile ufficio Europa Fiom – il Cae Cnhi giunge al suo secondo incontro, con la fase di avvio complicata dall’assenza di un accordo, poiché a differenza della maggioranza dei Cae europei, quello di Case New Hollande Industrial si basa sui requisiti minimi di legge. Per questo motivo è molto importante che la direzione aziendale metta nelle migliori condizioni il Cae di funzionare e di poter svolgere appieno la sua funzione di informazione e consultazione sancita dalle direttive europee.”

La Fiom sarà la prima organizzazione sindacale che avrà il compito di prestare assistenza ai delegati europei in nome e per conto della federazione europea IndustriAll Europe, alternandosi successivamente con Fim e Uilm. “Rafforzare la collaborazione tra i delegati – conclude Orazzini – e sostenere tutti quei luoghi in cui possono far convergere le loro voci è fondamentale. In particolare lo è in una crisi che non dà cenni di risoluzione, per impedire la crescita di spinte corporativo-nazionaliste che mettono in contrapposizione i lavoratori di un paese contro quelli degli altri”.

Fiom-Cgil/Ufficio Stampa

Roma, 21 novembre 2016

Tags:

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

I agree with the Privacy policy

Search