Lunedì, 21 Gennaio 2019

Proroga Cigs e proroga degli sgravi contributivi per i Contratti di Solidarietà

LOGOFIOM 180X120

Il 13 febbraio scorso il Ministero ha emanato la Circolare n.3 con la quale illustra le condizioni per la proroga della Cigs e della riduzione contributiva nel caso di imprese che abbiano concluso e sottoscritto accordi in sede governativa entro il 31 luglio 2015.

Proroga trattamenti di Cigs in corso

Viene concessa se sussistono contestualmente le seguenti condizioni:

  • il rilevante interesse strategico dell'impresa nel panorama nazionale in ordine a numero degli occupati, attività e capacità di incidere sul territorio;

  • i trattamenti di integrazione salariale richiesti devono essere aggiuntivi e in continuità con quelli previsti dal piano industriale presentato con l'accordo;

  • il piano industriale va aggiornato con interventi in grado di favorire il rapido riassorbimento del personale interessato durante il periodo di proroga dei trattamenti, incluse la formazione e la riqualificazione professionale.

L'accordo sindacale va comunque sottoscritto prima della presentazione.

L'istanza di autorizzazione del trattamento deve essere trasmessa telematicamente alla Direzione Generale Ammortizzatori sociali entro 45 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Dl 98189/2016, allegando una relazione che indichi il numero dei lavoratori interessati e le modalità di sospensione/riduzione d'orario previste per il periodo di prosecuzione dei trattamenti per i quali si inoltra la richiesta.

  • la prosecuzione della Cigs è autorizzata con pagamento diretto da parte dell'Inps.

  • le domande presentate saranno garantita fino a 90 milioni di euro nel 2017 e 100 milioni di euro nel 2018.

Proroga sgravi contributivi dei Contratti di solidarietà

Lo sgravio contributivo è riconosciuta, sempre nella misura del 35% della contribuzione, al aziende con una riduzione d'orario superiore al 20%.

La richiesta di proroga può essere concessa al termine dei 24 mesi già oggetto di decontribuzione e in ogni caso non può superare,nell'unità produttiva interessata dall'accordo ministeriale siglato in sede governativa entro il 31 luglio 2015, gli ulteriori 24 mesi complessivi.

L'istanza va presentata con modalità telematica entro e non oltre 30 giorni dall'entrata in vigore del Dl 98189/2017.

 

Fiom nazionale

 

Roma 24 febbraio 2017