Venerdì, 20 Settembre 2019

Mexico. Coahuila: centinaia di lavoratori in sciopero alla Teksid Hierro (gruppo Fiat) di Ciudad Frontera


Centinaia di lavoratori in sciopero alla Teksid Hierro (gruppo Fiat) di Ciudad Frontera, Coahuila, Mexico, rivendicando miglioramenti salariali e il diritto a scegliere il sindacato da cui farsi rappresentare. L'azienda licenzia per rappresaglia tre lavoratori che avevano guidato lo sciopero.

In Messico è una pratica frequente che le imprese impongano la presenza in azienda di sindacati di comodo con cui firmare accordi per tenere bassi i salari e impedire la costituzione di sindacati indipendenti.

Alla Teksid Hierro Gruppo Fiat i lavoratori hanno deciso di scendere in lotta per un salario migliore rifiutando le condizioni imposte dall'azienda e dal sindacato giallo CTM, e hanno scioperato il 16 aprile scorso. Oltre 600 lavoratori hanno inoltre sottoscritto l'adesione al sindacato Mineros Metalurgicos Siderurgicos y Similares de Republica Mexicana (sindacato indipendente affiliato a industriAll) chiedendo all'impresa di aprre una trattativa con questo sindacato. Immediatamente è scattata la rappresaglia antisindacale dell'impresa che ha licenziato tre lavoratori e attivisti che avevano organizzato lo sciopero.

La Global Union IndustriAll ha immediatamente denunciato l'episodio e inviato una lettera all'Amministratore Delegato di Teksid Carlo Tarantini per il ritiro dei liceniamenti e il riconoscmento del diritto dei lavoratori di aderire liberamente a un sindacato senza interferenze e repressioni da parte aziendale. IndustriAll ha invitato le OOSS del Gruppo fiat Chrysler alla solidarietà con i lavoratori messicani e prendere l'iniziativa nei confronti dell'impresa per il reintegro dei lavoratori licenziati e la libertàdi rappresentanza sindacale, sollecitando una presa di posizione del Network Sindacale Mondiale Fiat Chrysler che si riunisce a Torino in questi giorni (23-24 aprile)

La Fiom che ha sperimentato le pratiche antisindacali e discriminatorie del gruppo Fiat, esprime la massima solidaretà ai lavoratori messicani in lotta e al sindacato dei mineros, e si adopererà per decidere una azione comune dei sindacati del Global Network al fine di costringere la Teksid a ritirare i licenziamenti e a negoziare un accordo con il sindacato scelto dai lavoratori.

Messico, 21 aprile 2014

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Dichiaro di aver letto e compreso l’informativa Privacy e Termini di Utilizzo e di prestare il consenso al trattamento dei miei dati per le finalità e secondo le modalità indicate nella Privacy policy

Search