Giovedì, 18 Luglio 2019

TTIP: Approvata in Commissione al Parlamento Europeo la clausola a favore delle lobby industriali e finanziarie

stop ttip

Con il voto favorevole di socialdemocratici popolari e liberali la Commissione Commercio Internazionale del Parlamento Eurpeo ha approvato l'inserimento nel testo del TTIP della clausola “ISDS”, quella che consentirà alle imprese di citare in giudizio uno Stato se riterranno che i loro investimenti e le aspettative di profitti siano stati danneggiati da leggi o regolamenti, come ad esempio misure a tutela della salute o dell'ambiente, o norme per la tutela dei diritti dei lavoratori e dei cittadini. A questo si aggiunge la messa a punto di un meccanismo di cosiddetta cooperazione regolatoria (better regulation) che sostanzialmente affiderebbe ad un organo “tecnico” sovranazionale il potere di limitare la discrezionalità legislativa dei parlamenti nazionali. Una ulteriore conferma sulla natura profondamente antidemocratica non solo del processo con cui la UE sta definendo il testo del TTIP , ma anche dei contenuti e delle finalità principali di questo trattato.

Allegato il comunicato stampa diffuso dalla “Campagna Stop TTIP Italia” , a cui la FIOM aderisce

 

COMUNICATO STAMPA

La Commissione Commercio Internazionale del Parlamento Europeo (INTA) ha dato il via libera, questa mattina, alla risoluzione Lange, un testo che legittima le peggiori preoccupazioni dei cittadini europei in merito al negoziato sul TTIP. Questa formulazione è stata approvata con 29 voti favorevoli, 10 contrari e 2 astenuti. La voce dell’opinione pubblica è stata completamente ignorata dalla maggioranza degli europarlamentari riuniti nel voto: in particolare, socialdemocratici e popolari hanno raggiunto un accordo che rilancia l’inclusione di una clausola ISDS nell’accordo USA-UE sul commercio e gli investimenti, anche dopo che quasi 150 mila persone avevano espresso il proprio dissenso in una consultazione pubblica terminata nel 2014.

Tutto ciò che la Commissione INTA ha saputo fare, è dare credito a una proposta di riforma dell’arbitrato internazionale diffusa dal Commissario al Commercio, Cecilia Malmström, lo scorso 7 maggio. Una riforma che è tale soltanto all’apparenza, ma che lascia sostanzialmente intonso l’opaco e antidemocratico sistema di privilegi di cui potranno godere le imprese quando citeranno uno Stato in giudizio per aver minato i loro profitti con norme a tutela dei cittadini.

Il voto di socialdemocratici e popolari ha impedito di sollevare le dovute obiezioni anche al meccanismo della cooperazione regolatoria, che inciderebbe pesantemente sulla discrezionalità degli Stati membri di legiferare nel pubblico interesse creando un organo permanente sovranazionale.

In definitiva, il voto odierno dei deputati europei rappresenta un lasciapassare che regala margini d’azione inesplorati alle lobby industriali, con conseguenze potenzialmente catastrofiche per la vita quotidiana dei cittadini dell’Unione: se passasse questa linea, i governi avrebbero gravi difficoltà a tutelare settori come quello della chimica, dell’agroalimentare, del lavoro, dei servizi pubblici e della finanza.

“Quasi 2 milioni di cittadini in Europa hanno firmato la petizione comunitaria per fermare il negoziato sul TTIP, un’adesione massiva che testimonia una crescente volontà di far sentire la propria voce ma questa voce oggi è stata ignorata”, commenta Elena Mazzoni, coordinatrice della Campagna Stop TTIP Italia, “Il voto di oggi non tiene conto dei cittadini e della democrazia. Si è scelto di difendere unicamente gli interessi delle grandi multinazionali ma noi continueremo ad esercitare pressione affinché i diritti prevalgano sulla logica del profitto”

Il 10 giugno la risoluzione Lange passerà al vaglio del Parlamento Europeo, che si esprimerà in plenaria in quello che sarà l’unico momento di questo processo negoziale nel quale le istanze dell’elettorato potrebbero essere promosse a livello istituzionale. All’assemblea elettiva dell’Unione, dopo questo passaggio, spetterà soltanto un’ulteriore pronunciamento: un mero prendere o lasciare sul testo finale del TTIP, senza possibilità di emendamento.

Conclude Monica Di Sisto, tra i portavoce della campagna italiana: “Il patto scellerato tra social democratici e popolari, le larghe intese, ha portato a violare la volontà dei cittadini che con forza si erano espressi contro l’ ISDS e il Trattato in generale. Questo pessimo lavoro fatto oggi dalla Commissione INTA non ci ferma, anzi, chiediamo un impegno maggiore per far sentire la nostra contrarietà nel voto decisivo che ci sarà il 10 giugno in plenaria”.

 

Campagna Stop TTIP Italia

 

Roma, 28 maggio 2015

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Dichiaro di aver letto e compreso l’informativa Privacy e Termini di Utilizzo e di prestare il consenso al trattamento dei miei dati per le finalità e secondo le modalità indicate nella Privacy policy

Search