Domenica, 25 Agosto 2019

Brasile, sindacato e movimenti insieme per la democrazia, i diritti sociali e del lavoro

15 03 13-brasile

 

Movimenti sociali, sindacati e studenti hanno dato vita a mobilitazioni in tutto il Brasile lo scorso venerdì 13 marzo. Obiettivi della manifestazione: difesa della democrazia, dei diritti dei lavoratori la costituente per la elaborazione della cosiddetta “reforma politica” (una riforma del sisitena di finanziamento dei partiti e della politica in genere che limiti l'influenza dei potentati economici su Parlamento e Governo) e per difendere la natura pubblica di Petrobras l'azienda petrolifera di stato. Domenica 15 marzo invece si è tenuta a San Paolo una grande manifestazione convocata dalle forze di opposizione al Governo di Dilma Roussef.

Per capire il senso e le ragioni di queste mobilitazioni bisogna avere presente come l'attuale situzione politica e sociale brasiliana sia connotata da un forte conflitto di classe che vede una borghesia con ostentate tentazioni golpiste e il padronato alimentare una campagna politica e mediatica che cerca di rimettere in discussione la stessa vittoria elettorale di Dilma Roussef,e attacca il governo della “Presidenta Dilma” per avere politiche più liberiste in tema di lavoro e più privatizzazioni. Da ultima la campagna per la privatizzazione di Petrobras, la compagnia petrolifera di stato finita al centro dell'attenzione per l'emergere di alcuni gravi episodi di corruzione, con lavoratori e sindacati mobilitati per difenderne la proprietà pubblica.

Per aiutarci a capire meglio gli eventi di questo fine settiana in Brasile di seguito riportiamo una sintesi tradotta della nota con cui la Cut di San Paolo ha dato conto della manifestazione di venerdì 13 in quella città e delle rivendicazioni al centro della mobilitazione (a cura dell'Ufficio Internazionale Fiom)

San Paolo 13 Marzo 2015 - Nonostane la pioggia che è caduta nel corso di tutta la manifestazione, un mare di persone ha attraversato il cuore finanziario della città per giungere a Piazza della Repubblica, nel centro di San Paolo. Un corteo che ha sfilto per oltre 1 ora e 20 ricco di bandiere di tutti i colori: rosse bianche nere, quelle multicolori del movimento LGBT e naturalmente la bandiera del Brasile.


Intorno 18h, con la piazza piena di gente e di acqua, alcuni dei leader dei movimenti hanno preso la parola per fare un bilancio della manifestazione che si è conclusa con l'esecuzione dell'inno nazionale brasiliano e che ha dimostrato che il paese non ha un unico proprietario, e tanto meno i nostri simboli .

Per la CUT la mobilitazione ha raggiunto il suo scopo. Da un lato, ha chiarito al Presidente Dilma che deve governare ascoltando la gente, non solo il Congresso. Per altro verso che la democrazia è un valore inestimabile per i movimenti sociali.

"I movimenti e, in particolare, il CUT, hanno dimostrato la capacità di mobilitare, di intervenire nel merito delle questioni e di portare la gente a difendere i propri diritti. La CUT ha dato il messaggio che ora bisogna considerare finito il “ terzo turno “in modo che il presidente Dilma possa governare. Ma governare ascoltando le persone, mettendo in pratica il programma con cui ha vinto le elezioni. “ Ci deve essere la valorizzazione del negoziato e del dialogo nel paese e la comprensione che lo sviluppo arriverà solo con migliori condizioni di vita e di lavoro per i lavoratori ", ha detto il presidente nazionale della CUT, Vagner Freitas.

Per il segretario generale della Centrale Sergio Nobre, i lavoratori non permetteranno che la lotta di tanti per la democratizzazione del paese venga gettata nella spazzatura a cusa della intolleranza.
"Se in questo paese ha vinto la democrazia cià è dovuto alla classe operaia. Molte persone hanno perso la vita per essa e in nessun caso la classe operaia permetterà di tornare indietro. Abbiamo mandato un segnale. e adesso dobbiamo continuare la lotta per i nostri diritti nel Congresso Nazionale "

Per il presidente della Confederazione Internazionale dei Sindacati (ITUC), Joao Felicio, la reazione che si manifesta nella forma di tentativo di colpo di stato, esprime anche interessi economici internazionali e unificati. La via di uscita deve essere sempre a sinistra.

"Ogni volta che si sceglie un governo democratico e popolare, i reazionari e i truffatori sono uniti per cercare di rovesciarlo. Hanno provato a fare questo in Venezuela, Cile, e stanno cercando di fare questo in Argentina. Ma qui non lo permetteremo. Tuttavia, il governo ha bisogno di cambiare alcuni ministri neoliberali che non si sono mai impegnati nei confronti della classe operaia, e ritirare le misure provvisorie (664 e 665) è certo un buon inizio. Per il risanamento dei conti pubblici è necessario tassare le grandi fortune ", propone Felicio

Sulla questione Petrobras- Secondo il segretario alle relazioni internazionali della FUP (Federazione Unica Petroliferi), John Moraes, è arrivato il momento di dimostrare di chi è davvero Petrobras.

Secondo lui, il modo migliore per invertire l'immagine negativa della società è che il popolo scenda per le strade come ha fatto in difesa della creazione della compagnia di stato

"Nel 2014, Petrobras è diventata il più grande produttore privato di petrolio nel mondo, ha ricevuto per la terza volta il Premio Nobel del settore petrolifero, ha raggiunto record nella raffinazione, è aumentato del 20% la produzione di etanolo e, in otto anni, ha iniziato a produrre la pre-sal, mentre le altre compagnie petrolifere hanno 15 anni. Se non fosse stato per il blocco dei principali media, oggi il popolo brasiliano sarebbe fiero di Petrobras e certo pagherebbe per risolveri i problemi, ma avrebbe consapevolezza che sono molto piccoli confrontati alla grandezza Petrobras, "

 

Gioventù in piazza

Il Presidente della UNE (Unione Nazionale degli Studenti), Vittoria Barros, Vic, ha detto che la mobilitazione popolare ha dimostrato ancora una volta la volontà di difendere la democrazia brasiliana, l'istruzione, Petrobras e le riforme politiche. E questo è solo l'inizio.

"Nel mese di aprile, faremo un percorso di lotte in difesa delle nostre rivendicazioni, come la smilitarizzazione della Polizia, la fine della starge di gioventù nera, la riforma agraria e la riforma politica per porre fine al finanziamento da parte delle imprese per le campagne politiche. Siamo nelle strade e stiamo vincendo ", ha detto.

Pedro Freitas , militante di Gioventù Popolare, ha ricordato la crescita della partecipazione dei giovani alle lotte, dal giugno 2013, che è culminata nella revoca dell'aumento della tariffa di trasporto pubblico in diverse città del Brasile.

"Vogliamo una riforma del sistema politico attraverso una costituente unica e sovrana, per rompere l'assedio politico che le forze di destra stanno facendo al governo federale con il sostegno dei media mainstream. Inoltre noi non vogliamo adeguamenti fiscali che penalizzano i giovani, così come le misure provvisorie (664 e 665), che impediscono l'accesso all'assicurazione contro la disoccupazione in uno scenario in cui la precarietà colpisce soprattutto tra la nostra generazione. "

La Presidente dell'Unione degli studenti di San Paolo, Carina Stained Glass ha dichiarato che "Le royalties petrolifere devono essere utilizzate per l'istruzione e il l'impegno a destinare il 10% del PIL (Prodotto Interno Lordo) deve essere rispettato. Pertanto, nessun taglio e nessun diritto in meno”.

 

In Piazza anche il mondo contadino
Il dirigente del MST (Movimento Sem Terra), João Paulo Rodrigues fa notare che anche se il governo deve onorare il debito di una riforma agraria, il percorso non è il colpo di stato.

"Siamo nelle piazze da 30 anni e non da 30 giorni e continueremo difendere gli interessi del popolo brasiliano manifestando nelle strade e con le occupazioni di terre e non accetteremo arretramenti sulla democrazia e i diritti sociali."

Al di là della lotta in se, Liciane Andrioli (coordinatrice del Movimento popolazioni danneggiate delle grandi dighe)mette in risalto l'aspetto formativo di una azione di massa, "Viviamo in un contesto di intensificazione dell'iniziativa della destra e di un sistema dei media manipolaorio, e c'è bisogno di scendere in piazza per discutere con la società le nostre rivendicazioni fondamentali, le bandiere di lotta. Il nostro movimento oggi è diverso rispetto agli altri che saranno qui tra due giorni ( la manifestazione delle opposizioni di Domenica 15), che rappresenta una borghesia arrabbiata che vuole vendere Petrobras agli americani, vuole l'arretramento dei diritti della classe operaia e demoralizzare i movimenti.

L'alternarsi di mobilitazioni di segno diverso durante il fine settimana , appare strana a molti osservatori internaznali. In una intervista al direttore esecutivo della CUT Julio Turra un giornalista russo ha posto la seguente domanda: "Perchè dopo solo 70 giorni dalle elezioni il popolo brasiliano vuole rimuovere il presidente?". Dopo questo Venerdì, lei sa già che non è esattamente degli interessi del popolo brasiliano che si tratta.

 

a cura dell ufficio internazionale Fiom

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Dichiaro di aver letto e compreso l’informativa Privacy e Termini di Utilizzo e di prestare il consenso al trattamento dei miei dati per le finalità e secondo le modalità indicate nella Privacy policy

Search