Giovedì, 18 Luglio 2019

Ituc: lo sciopero è un diritto

15 02 18-ituc

 

Il 18 febbraio è la giornata mondiale in difesa del diritto di sciopero. Lo ha deciso il Consiglio Generale della ITUC (la Confederazione sindacale Internazionale) per difendere un diritto che oggi è sottoposto ad un attacco senza precedenti dai padroni e dai Governi in tutto il mondo e che la componente padronale della Organizzazione Internazionale del Lavoro vorrebbe eliminare dai diritti fondamentli garantiti dalle convenzioni OIL.

“ Il diritto di sciopero è un elemento essenziale della libertà di associazione e di contrattazione collettiva – ha dichiarato Jyrki Raina -Segretario Generale di IndustriAll la Federazione Internazionale dell'Industria – e per questo i sindacati di tutto il mondo oggi faranno sentire la loro voce per difendere questo fondamentale diritto dall'attaco di datori di lavoro e governi”

Nei suoi quasi cento anni di storia, l'OIL ha controllato l'applicazione delle Convenzioni e Raccomandazioni OIL con il pieno sostegno delle tre parti costituenti – lavoratori, datori di lavoro e governi. A partire dal 2012 la compnente imprenditoriale dell'OIL ha attaccato questo sistema, fra l'altro rimettendo in discussione il diritto di sciopero.

La componente dei lavoratori ha chiesto di sottoporre la questione al giudizio della Corte Internazionale di Giustizia, per un suo pronunciamento consultivo, ma la componente dei datori di lavoro e alcuni governi hanno bloccato questa richiesta. E' stata invece programmata una riunione , tripartita il 23-25 febbraio 2015 per discutere ulteriormente la questione.

Il prolungarsi di questa disputa ha un impatto anche fuori dal palazzo dell'OIL. Per esempio il caso della sospensione da parte del Governo dello sciopero dei metalmecanici in Turchia, non puà essere portato in giudizio all'OIL fino a che persiste questo stallo.

“L'esito di questo conflitto in seno all'OIL si farà sentire nei luoghi di lavoro in tutto il mondo.- Ha detto Jyrki Raina - Occorre prendere l'iniziativa in tutti i nostri paesi e pretendere che il diritto di sciopero continui a essere riconosciuto come un fondamentale diritto globale”

La Fiom è perfettamente conspevole della dimensione globale dell'attacco al diritto di sciopero e delle conseguenze negative per i lavoratori e i sindacati se l'attacco portato dalla parte padronale in seno alla Organizzione Internazionale del Lavoro al riconoscimento di questo diritto avesse successo. La Fiom sostiene pienamente la battaglia dei rappresentanti dei lavoratori in seno all'OIL e aderisce a questa giornata mondiale in difesa del diritto di sciopero dedicndogli le lotte e le iniziative che anche in questi giorni ci vedono protagonisti in tanti luoghi di lavoro, per difendere il lavoro e i diritti, compreso quello di sciopero.

La Fiom è il sindacato delle lavoratrici e lavoratori metalmeccanici della Cgil

Iscrizione Newsletter

Dichiaro di aver letto e compreso l’informativa Privacy e Termini di Utilizzo e di prestare il consenso al trattamento dei miei dati per le finalità e secondo le modalità indicate nella Privacy policy

Search