Martedì, 26 Marzo 2019

Artigiani. A che punto siamo

LOGOFIOM-180X120

Si è tenuta oggi la riunione del Coordinamento artigiani Fiom e della delegazione trattante Fiom per il Contratto Nazionale di Lavoro per i dipendenti della Aziende Artigiane per fare il punto della situazione dopo l’accordo ponte del 15 gennaio ed il rinvio della trattativa prevista per oggi ma rinviata da Confartigianato.

La delegazione trattante ha ribadito il giudizio positivo sull’Accordo Ponte del 15 gennaio che per i suoi contenuti definisce:

  • un quadro di chiarezza per le Aziende ed i lavoratori sull’apprendistato, migliorando il quadro normativo rispetto all’accordo precedente;

  • una prima risposta salariale alle lavoratrici ed ai lavoratori delle aziende artigiane con la Una tantum di 420 euro (a tassazione separata) erogati nel 2015, a copertura del 2013 e del 2014.

Dalle prime assemblee svolte con i lavoratori e lavoratrici emerge un consenso ed un apprezzamento per l’accordo raggiunto.

Il Coordinamento artigiani Fiom ritiene necessario continuare la trattativa con l’obbiettivo di arrivare ad una conclusione del rinnovo contrattuale, va quindi richiesto l’avvio del confronto con le Associazioni Artigiane, definendo le date dei prossimi incontri.

Si è discusso inoltre anche degli aspetti più generali relativi al sistema bilaterale dell’Artigianato a partire dal Fondo di Solidarietà Alternativo Bilaterale dell’Artigianato (FSBA) e del suo regolamento anche a fronte dei prossimi confronti tra confederazioni e associazioni delle imprese artigiane che dovrebbero conclusivamente definire l'avvio sperimentale del fondo stesso; il coordinamento Fiom ha condiviso l'ipotesi di regolamento in corso di definizione con le controparti.

Infine la Fiom ritiene necessario realizzare una campagna straordinaria di tesseramento nel settore artigiano metalmeccanico a partire dai contenuti economici e normativi dell'accordo raggiunto il 15 gennaio, dalla diffusione e informazione relativa al funzionamento e alle prestazioni che devono essere garantite dal sistema della bilateralità, dall'intervento di sostegno al reddito delle lavoratrici e dei lavoratori.

Per queste ragioni il Coordinamento artigiani Fiom è impegnato a ricostruire in tempi brevi un quadro completo della bilateralità oggi presente nei territori, delle sue prestazioni e del suo effettivo funzionamento a livello Regionale.

 

Fiom nazionale

 

Roma, 11 febbraio 2015

Search